ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Festival di Cannes 2015: l'en plein della Francia

Se il cinema italiano piange, quello francese sorride a Cannes. I tre film italiani di Moretti, Garrone e Sorrentino non vincono nulla mentre Parigi

Lettura in corso:

Festival di Cannes 2015: l'en plein della Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

Se il cinema italiano piange, quello francese sorride a Cannes.

I tre film italiani di Moretti, Garrone e Sorrentino non vincono nulla mentre Parigi fra l’en plein.

Il film Dheepan, di Jacques Audiard, ha vinto la Palma d’Oro della 68.ma edizione del Festival. Premio per la miglior attrice è andato ex aequo a Rooney Mara e Emmanuel Bercot mentre Vincent Lindon è il migliore attore. Premio della giuria a “The Lobster” del regista greco Yorgos Lanthimos.

Il regista Audiard ha girato un film che lui stesso definisce arrischiato e non riesce a capacitarsi del successo.

Dheepan è la storia di un combattente delle Tigri Tamil, che fugge dallo Sri Lanka per andare a vivere a Parigi portando con sé una donna e un bambino così da avere maggiori speranze di ottenere lo status di rifugiato.

Grand Prix speciale della giuria è invece andato all’ungherese Laszlo Nemes, per “Il figlio di Saul” due giorni della vita di un ebreo ungherese ad Auschwitz.

Il valore testimoniale della memoria è la motivazione che ha ispirato Menes.

Migliore attore Vincent Lindon in “La loi du marché”. Grande prova la sua, nella parte di uno sconfitto, un disoccupato che fa di tutto per trovare lavoro.

Lindon se l‘è giocata fino all’ultimo con Vincent Cassel, anche lui notevole in “Mon Roi”. Ma il film è stato premiato con la palma d’oro a Emmanuelle Bercot in questa edizione sia regista, con la Tête Haute, che attrice in questa storia molto sociale.

“Il 68esimo Festival di Cannes si chiude in bellezza con due film sociali che resteranno nella memoria”, dice il nostro inviato. “Grosso bottino del cinema francese e una giuria che ha premiato il coraggio e la creatività”.