ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

WizzAir, 11° compleanno tra successi e turbolenze in Ucraina

Lettura in corso:

WizzAir, 11° compleanno tra successi e turbolenze in Ucraina

Dimensioni di testo Aa Aa

Per il suo undicesimo compleanno WizzAir si regala un piccolo ritocco. I suoi 59 velivoli A320 sono freschi di carrozzeria: la compagnia aerea ungherese, una delle più importanti dell’Europa centrorientale, ha festeggiato con un restyling.

I motivi non mancano: dopo il tentativo fallito del 2014, a febbraio il vettore è atterrato sui listini londinesi e da allora i suoi titoli hanno guadagnato il 20%.

L’inviata di Euronews Beatrix Asboth ha approfittato dell’occasione per fare il punto sul mercato dell’aviazione civile con l’amministratore delegato Jozsef Varadi.

euronews: “In che modo gli scioperi dell’anno passato e la tragedia di Germanwings hanno influenzato il mercato dell’aviazione. C‘è stato un rimescolamento?” Jozsef Varadi: “Questo è un periodo molto positivo per il trasporto aereo. I prezzi del petrolio e del carburante sono abbastanza bassi, così come sono bassi i tassi di interesse. Per cui, non vediamo particolari rimpasti. Le linee aeree che riescono a operare con maggiore successo stanno diventando più efficienti. Al contrario di quelle meno performanti, le quali non stanno riuscendo a cogliere l’opportunità di un settore dell’aviazione in fase ascendente”.

WizzAir scarta l’idea di un’acquisizione e punta sulla crescita organica: il vettore ha appena inaugurato due nuove basi. Causa turbolenza geopolitica, però, sono state necessarie anche correzioni di rotta.

euronews: “WizzAir ha rivisto pesantemente la sua presenza in Ucraina. Perché?” Jozsef Varadi: “Il problema principale in Ucraina è che la banca centrale ha dato un giro di vite alle regole riguardanti lo scambio della sua valuta nazionale e lo scambio di moneta straniera. Ciò significa che non potevamo scambiare grivnie in dollari. Le nostre entrate erano in grivnie ma le nostre spese sono in dollari. Non potevamo più far fronte a questa situazione, per cui abbiamo dovuto chiudere la filiale ucraina”.

La compagnia ha chiuso l’anno terminato a marzo con 16 milioni e mezzo di passeggeri trasportati. Tra nuove rotte ed espansione della flotta, WizzAir conta di riuscire a migliorare ancora una volta i risultati.