ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, 2/3 traffico ferroviario bloccato dallo sciopero

Dopo il blocco dei treni merci, tocca oggi ai convogli passeggeri. Per Deutsche Bahn è il nono sciopero in 10 mesi, il secondo dall’inizio di maggio

Lettura in corso:

Germania, 2/3 traffico ferroviario bloccato dallo sciopero

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il blocco dei treni merci, tocca oggi ai convogli passeggeri. Per Deutsche Bahn è il nono sciopero in 10 mesi, il secondo dall’inizio di maggio.

Un costo stimato in 100 milioni di euro al giorno per l’economia tedesca. Da Colonia a Berlino, tanti i passeggeri infuriati con le ferrovie dello Stato.

“È l’ultima volta che viaggio con Deutsche Bahn. Non permetterò mai più che mi rovinino un viaggio. Due volte mi bastano” dice un viaggiatore in attesa alla stazione di Colonia.

La direzione della compagnia di bandiera alza i toni contro una protesta guidata dal sindacato macchinisti Gdl, che rappresenta circa il 10% del personale Deutsche Bahn.

Il portavoce della Deutsche Bahn Achim Stauss: “Non è possibile che milioni di persone in tutta la Germania subiscano i disagi di questo inutile scontro, tanto più nel fine settimana di Pentecoste, il più trafficato dopo Pasqua e Natale” dice.

Il leader del sindacato Claus Weselsky insiste sull’ampia adesione al movimento di protesta che chiede tra l’altro d’estendere la rappresentatività ad altre categorie rispetto ai macchinisti.

“3.300 dipendenti sono in sciopero ogni giorno” dice Weselsky. “Questo significa che il personale ha compreso, che sanno che questa è la loro causa. Sono determinati a portare avanti la battaglia sul lungo periodo”.

I 2/3 dei trasporti sono fermi senza che la fine dello sciopero sia fissata. Il sindacato Gdl spiega che annuncerà la conclusione della protesta con quarantotto ore di anticipo.

Nel frattempo il Parlamento tedesco è pronto a votare un testo di legge che riduca il margine di manovra per i sindacati minori. Il concetto chiave della riforma ruota attorno al coordinamento tra i sindacati in seno alle imprese, dando maggior potere ai sindacati di maggioranza. Il voto al Bundestag è atteso per venerdì.