ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cannes 2015: Ida e il suo Iran

Lettura in corso:

Cannes 2015: Ida e il suo Iran

Dimensioni di testo Aa Aa

Nahid è il primo film della regista iraniana, Ida Panahandeh, presentato al Festival di Cannes, nella sezione Un Certain Regard, e in competizione

Nahid è il primo film della regista iraniana, Ida Panahandeh, presentato al Festival di Cannes, nella sezione Un Certain Regard, e in competizione per la Palma d’oro. Nel ruolo di protagonista, la grande attrice iraniana Saleem Bayat, vincitrice dell’Orso d’oro a Berlino come migliore attrice per Une séparation di Ashgar Farhadi.

Nahid, è una donna giovane e divorziata, che vive sola con il figlio di 10 anni in una piccola città sul Mar Caspio. La tradizione iraniana affida la custodia del bambino al padre, ma lui accetta di concederla alla ex-moglie, finché questa non si risposa.

Il film è un’opera di grande maestria fotografica, regia e scenografia.

Secondo Ida la maturità del suo film restituisce l’esperienza dei suoi studi.

Ida Panahandeh, regista: “La ragione per cui in questo film sembra ci sia tanta padronanza è che ho 15 anni di esperienza nel cinema. Ho fatto studi accademici e cinematografici, e allo stesso tempo ho iniziato a fare cortometraggi, documentari e film per la televisione. Dopo tre film per la televisione ho usato la mia conoscenza e la mia esperienza per Nahid. L’ho scritto in due anni e ho avuto molto tempo per lavorarci.”

La vita di Nahid cambia quando incontra un uomo che la ama con passione e intende sposarla. Questo nuovo rapporto cambierà per sempre la sua vita di moglie e di madre. Un film che parla alle donne?

Ida Panahandeh, regista: “No, la mia intenzione non era di fare un film sulle donne iraniane. Si tratta di un dramma d’amore che riguarda una donna che vive in Iran, non riguarda tutti gli iraniani.”

Nahid si trova ad affrontare un terribile dilemma: dover scegliere tra l’uomo che ama e suo figlio.

Il film è girato nel nord-ovest del paese, sulle rive del Mar Caspio e lontano dalle violenze di Teheran.