ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Cannes irrompe il nuovo "Mad Max", tiepida accoglienza per "Il racconto dei racconti"

Apre anche la sezione Un certain regard, col gilm giapponese "An".

Lettura in corso:

A Cannes irrompe il nuovo "Mad Max", tiepida accoglienza per "Il racconto dei racconti"

Dimensioni di testo Aa Aa

Non bastava che fosse uno dei film più attesi dell’anno, ‘‘Mad Max-Fury road’‘ si è preso pure la scena alla Croisette, con il cast al completo e il regista George Miller, elemento di continuità con la versione degli anni ’80 della saga, a dominare, pur fuori concorso, la scena nella seconda giornata del Festival di Cannes.

Sul tappeto rosso Charlize Theron si mostra in tutto il suo splendore, parzialmente celato nei rudi panni della guerrigliera vestiti nel film, dove è “Furiosa”, protagonista assieme a Tom Hardy, nel ruolo di Max, che trent’anni fa fu di Mel Gibson.

Non si tratta di un remake, ma di un nuovo approccio al personaggio della trilogia che si concluse con “Oltre la sfera del tuono”. Con tutt’altro budget: 100 milioni di dollari, quanto incassò il primo capitolo “Intercepto”, che ne era costato appena 350.000.

L’inviato di euronews Frédéric Ponsard: “il cinema in tutte le sue forme e proveniente da tutti gli orizzonti è celebrato a Cannes. Da una parte il furioso blockbuster australiano che si rivela alla fine…molto femminista. Dall’altra parte un film giapponese dolce e intimistico. È possibile fare film così diversi, ma portarli sullo stesso tappeto rosso, anche questa è la magia del festival”.

Il riferimento è ad “An”, della giapponese Naomi Kawase, che ha aperto la sezione Un certain regard del festival.

Il titolo è riferito a una marmellata di fagioli azuki che si usa per farcire i doryaki, dolci tradizionali nipponici. Attorno a una rivendita dei quali ruotano le vite del proprietario Sentaro, l’anziana Tokue, che con la sua ricetta segreta per preparare l’an convince lo convince nonostante l’età ad assumerla, e l’adolescente Wakana. Fra i tre si crea un legame molto forte.

Giovedì è stato anche il giorno della proiezione ufficiale de “Il racconto dei racconti”, già visto mercoledì sera da una stampa piuttosto tiepida.