ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: la guerra raccontata dalla minoranza ungherese

Lo scorso mese di febbraio le truppe ucraine hanno subito una pesante sconfitta vicino Debaltseve. Le forze separatiste filo-russe hanno ripreso la

Lettura in corso:

Ucraina: la guerra raccontata dalla minoranza ungherese

Dimensioni di testo Aa Aa

Lo scorso mese di febbraio le truppe ucraine hanno subito una pesante sconfitta vicino Debaltseve. Le forze separatiste filo-russe hanno ripreso la città al termine di due mesi di combattimenti, nonostante a Minsk fosse stata dichiarata la tregua.

Peter Filipovics è un soldato ucraino della minoranza linguistica ungherese. È arrivato nell’est dell’Ucraina dalla Transcarpazia, regione a confine con l’Ungheria.

“Subito dopo il rinnovo dell’accordo di Minsk, abbiamo assistito al bombardamento più pesante che ha portato alla cosiddetta riconquista di Debaltseve – ricorda Peter Filipovics – Questa è stata la risposta sul terreno all’impegno dei leader politici a Minsk”.

Uzghorod è il capoluogo della regione Transcarpazia. Un tempo apparteneva all’impero ungherese, mentre oggi è abitata in gran parte da ucraini.

La Slovacchia e l’Ungheria sono raggiungibili in bici, ma quei pochi chilometri hanno cambiato la storia di questa regione, dove ungheresi, slovacchi, ucraini, russi e anche una piccola minoranza tedesca vivono insieme. Alle porte dell’Unione si è realizzata la visione dell’ideologia europea.

“Nessuno è mai stato discriminato a causa della sua lingua. Qui usiamo la lingua della multiculturalità – spiega il giornalista Attila Sterr – Se ci sono tensioni, sono importate da forze esterne che vengono qui in Transcarpazia da Leopoli”.

Laszlo Brenzovics è l’unico deputato ucraino di origini ungheresi. Secondo lui anche se gli abitanti della regione non mostrano paura, avvertono di vivere in un Paese in guerra: “La guerra colpisce la Transcarpazia come qualsiasi altra parte dell’Ucraina – sostiene il parlamentare ucraino – Anche qui vengono reclutati i soldati, centinaia di persone sono coinvolte nelle operazioni nell’Ucraina dell’est”.

Peter Filipovics è tornato dal fronte due settimane fa. Per lui è normale andare a combattere per l’Ucraina, perché si sente al 100% ucraino. Anche se ammette che nella sua unità tutti parlavano russo, così come i soldati nemici.

“I nostri nemici puntano a collegare la Crimea al resto della Russia. Hanno bisogno del Donbass e in particolare delle contee di Donetsk e Luhansk. Hanno il sostegno della Russia che fornisce loro munizioni, attrezzature tecniche e uomini, non pane o cibo in scatola – aggiunge Peter Filipovics – I separatisti filo-russi ricevono ordini solo dagli alti ufficiali. Nelle loro unità hanno dei comandanti, ma prendono ordini solo da alti ufficiali”.

Gli aiuti ai soldati ucraini, rivela Peter a euronews, provengono in maggioranza dalla popolazione come contributi volontari.

“Il governo non ci aiuta molto, fa il possibile, ma non tanto quanto la popolazione, i volontari – conclude il soldato ucraino – Ogni settimana arrivano a bordo di autobus o furgoni e portano vestiti, generi di prima necessità, ma non materiale bellico, più di rado qualche telecamera termica. Questa è una guerra, è come nei film, ma qui sparano davvero”.