This content is not available in your region

Iniziato a Londra il processo a Colborne, l'uomo che voleva uccidere Carlo e William

Access to the comments Commenti
Di Simona Volta
Iniziato a Londra il processo a Colborne, l'uomo che voleva uccidere Carlo e William

<p>È iniziato al tribunale Old Bailey di Londra il processo che vede imputato Mark Colborne. <br /> Secondo l’accusa l’uomo, un britannico di 37 anni, stava progettando l’assassinio del principe di Galles Carlo e del principe William, duca di Cambridge, per permettere al principe Harry di salire al trono. </p> <p>Originario di Southampton, Colborne era stato arrestato lo scorso giugno a seguito di una denuncia del fratellastro che<br /> aveva scoperto, nella casa di famiglia, prodotti chimici sospetti oltre a maschere antigas, imbuti filtranti in metallo<br /> e siringhe di plastica. </p> <p>Durante le perquisizioni la polizia ha trovato degli appunti in cui l’uomo asseriva di voler sparare a Carlo e ha scoperto<br /> che su internet cercava istruzioni per fabbricare bombe artigianali e veleni letali.</p> <p>Secondo il procuratore Annabel Darlow, il trentasettenne si sentiva denigrato e messo ai margini dalla società per via dei suoi capelli rossi, proprio come quelli del principe Harry. </p> <p>Tuttora in Gran Bretagna le persone dai capelli rossi, soprattutto uomini, sono spesso vittime di ingiustificate discriminazioni. </p> <p>Nelle annotazioni Colborne scriveva anche di voler compiere un attentato terroristico di massa e si paragonava ad Anders Behring Breivik che nel 2011 in Norvegia uccise 77 persone. Negli appunti ci sono anche espressioni di odio razziale per i ‘non-Ariani’ e riferimenti ad Heinrich Himmler, ministro dell’Interno del Reich, il regime nazista tedesco.</p> <p>Mark Colborne in realtà non sembra abbia fatto bene i conti. Al momento del suo arresto il principe William aveva già un figlio, il principe George. Ora, con la nascita della principessa Charlotte, Harry è solo al quinto posto nella linea di successione al trono britannico.</p>