ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Prima riunione del nuovo governo britannico, un monocolore Tory

“Siamo qui per mantenere gli impegni presi”: sono le parole con le quali si è presentato David Cameron al primo Consiglio dei Ministri del nuovo

Lettura in corso:

Prima riunione del nuovo governo britannico, un monocolore Tory

Dimensioni di testo Aa Aa

“Siamo qui per mantenere gli impegni presi”: sono le parole con le quali si è presentato David Cameron al primo Consiglio dei Ministri del nuovo governo britannico.
Un esecutivo che torna a essere monocolore, con i soli conservatori alla guida del Paese.
Un programma di tagli di spesa, ma anche di attenzione ai più deboli e al lavoro:

“Penso che sia fondamentale che in ogni decisione che prenderemo, in ogni politica che attueremo, in ogni programma che avvieremo, si tratterà soprattutto di dare a ciascuno nel nostro Paese le migliori possibilità di vivere e godere di una buona qualità di vita, e sviluppare al massimo i propri talenti. Questo è lo scopo del governo. Alcuni sapientoni potrebbero chiamarlo conservatorismo da tute blu, o essere dalla parte degli operai, io direi che si tratta di essere il vero partito della gente che lavora”.

“Il programma per tenere unito il Paese sarà un’altra chiave del successo”, ha poi detto Cameron, riferendosi al rischio accresciuto di una separazione della Scozia, (dopo il successo elettorale dei nazionalisti scozzesi).

Impegnato in giornata all’Ecofin, George Osborne, fedelissimo di Cameron e riconfermato all’economia, è stato nominato anche Primo Segretario di Stato. In pratica, sarà il vice-premier e come tale avrà il ruolo principale nel negoziato che Londra intende aprire con Bruxelles per rivedere il proprio ruolo nell’Unione europea.