ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Esclusivo. Il premier serbo Vucic ammonisce: i disordini nella Repubblica di Macedonia potrebbero estendersi ad altri Paesi dei Balcani

Skopje rende omaggio agli agenti di polizia uccisi durante gli scontri nel nord della Repubblica di Macedonia

Lettura in corso:

Esclusivo. Il premier serbo Vucic ammonisce: i disordini nella Repubblica di Macedonia potrebbero estendersi ad altri Paesi dei Balcani

Dimensioni di testo Aa Aa

A Skopje, cittadini della Repubblica di Macedonia hanno commemorato le vittime degli scontri e testimoniato solidarietà nei confronti dei poliziotti delle forze speciali impegnati nella repressione di un misterioso gruppo armato a Kumanovo, al confine con la Serbia.
“Siamo qui con i nostri amici albanesi e di altre comunità – dice un residente di Skopje -, siamo tutti uniti e insieme dimostriamo di voler combattere per la libertà e la democrazia che meritiamo”.
I morti negli scontri sono stati 22, tra cui 8 agenti.
In un’intervista rilasciata a euronews, il primo ministro serbo Aleksander Vucic ha risposto a una domanda sulla sicurezza nella regione.
“Investiremo – ha detto – tutto ciò che è necessario per aiutarli a superare questi problemi e creare stabilità nel loro Paese e fornirgli tutto ciò che ritengono necessario per raggiungere il loro scopo. Perché questa è la cosa più importante per tutti noi: se ci sono rivolte e disordini in Macedonia, questi possono diffondersi in altre zone dei Balcani occidentali”.