ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Regno Unito, le reazioni dei militanti negli opposti schieramenti

Al Blue Boar c‘è aria di festa. In questo pub londinese, ritrovo di militanti conservatori vicino al parco St. James, gli exit poll fanno venire

Lettura in corso:

Regno Unito, le reazioni dei militanti negli opposti schieramenti

Dimensioni di testo Aa Aa

Al Blue Boar c‘è aria di festa. In questo pub londinese, ritrovo di militanti conservatori vicino al parco St. James, gli exit poll fanno venire voglia di rimanere alzati tutta la notte a seguire lo spoglio.

“Le proiezioni sono molto incoraggianti. Ieri facevo campagna a South Thanet e, da quello che mi racconatava la gente, sembrerebbe che abbiamo impedito a Nigel Farage di vincere nel suo collegio”.

“Sono molto felice per David Cameron: ha iniziato proprio come George Osborne e credo che sia stato premiato per il suo impegno. Non ho mai dubitato che fosse il leader di cui avevamo bisogno”.

Vauxhall, zona sud di Londra: chi sperava che un nuovo inquilino si insediasse al 10 di Downing Street, non nasconde la delusione per un risultato ben peggiore del previsto.

“Sono scioccato, disgustato, sorpreso, sbalordito. La morale di tutto questo è che mentire funziona. Credo che questa coalizione di governo non sia stata onesta con i cittadini negli ultimi cinque anni, e certo non lo è stata nelle ultime quattro settimane”.

“Sono molto sorpresa dal risultato dei laburisti. Credevo che avrebbero conquistato più seggi, non che li avrebbero persi. D’altra parte, però, penso che siano tutti molto corrotti e che, in un modo o nell’altro, riescano sempre a fare i loro interessi. Rimarremo in questa stessa situazione ancora per molti anni”.