ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia, Si della Camera all'Italicum: opposizioni fuori e No da minoranza Pd

Già approvato dal Senato, l’Italicum ottiene il definitivo via libera anche alla Camera. Una vittoria per il premier italiano Matteo Renzi, che sulla

Lettura in corso:

Italia, Si della Camera all'Italicum: opposizioni fuori e No da minoranza Pd

Dimensioni di testo Aa Aa

Già approvato dal Senato, l’Italicum ottiene il definitivo via libera anche alla Camera.

Una vittoria per il premier italiano Matteo Renzi, che sulla riforma della Legge elettorale aveva puntato molto della sua credibilità politica. Ma una vittoria pagata con un’ulteriore spaccatura del suo Partito democratico.

Deserti i banchi dell’opposizione, che sceglie l’aventino e chiede al presidente Mattarella di non ratificare la legge.

“Missione compiuta – commenta il ministro per le Riforme istituzionali, Maria Elena Boschi – Il governo ha mantenuto l’impegno preso con i cittadini: fare dell’Italia un Paese in cui, il giorno dopo le elezioni, si sappia chi ha vinto. E la legge elettorale è il simbolo di un governo che non si limita a predicare le riforme, ma le fa sul serio. Abbiamo promesso e abbiamo mantenuto”.

La soddisfazione del ministro Boschi si riflette nelle poche battute che Renzi affida a Twitter.

L’Italicum, che dovrebbe entrare in vigore da luglio 2016, prevede un premio di maggioranza alla lista che supera il 40% dei voti, o il ballottaggio tra i due partiti più votati se nessuno supera la soglia, sbarramento al 3% e capilista bloccati.