ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oggi Vienna valuta estradizione negli Usa dell'oligarca ucraino Firtash

Oggi un tribunale di Vienna deciderà se convalidare o meno la richiesta di estradizione verso gli Stati Uniti dell’oligarca ucraino Dmytro Firtash

Lettura in corso:

Oggi Vienna valuta estradizione negli Usa dell'oligarca ucraino Firtash

Dimensioni di testo Aa Aa

Oggi un tribunale di Vienna deciderà se convalidare o meno la richiesta di estradizione verso gli Stati Uniti dell’oligarca ucraino Dmytro Firtash, accusato di corruzione e sotto controllo giudiziario da parte delle autorità austriache.

Firtash era stato arrestato a Vienna, dove sono basate le sue Holding, Group DF e Ostchem, il 13 marzo 2014, pochi giorni prima del controverso referendum sull’annessione della Crimea alla Russia. Una tempistica che diversi osservatori ritengono quanto meno sospetta dal momento che un mandato d’arresto era pendente sin dall’estate 2013.

Washington accusa Firtash di corruzione in relazione allo sfruttamento delle miniere di titanio avviato dalle aziende del businnesman in India a partire dal 2006.

Secondo il gruppo di Firtash, specializzato nei settori energetico e chimico, le accuse fanno parte di “una campagna di persecuzione politca pianificata da tempo”. Il partner in affari di Firtash è Sergueï Lavotchkine, già figura di primo piano nell’amministrazione dell’ex-Presidente Viktor Yanukovich.

In Ucraina l’azienda dell’oligarca, creata in partenariato con il gruppo russo Gazprom, è poi accusata di aver arrecato allo Stato perdite equivalenti a oltre 250 milioni di dollari.