ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tensione a Baltimora nella prima notte di coprifuoco

Baltimora vive la sua prima notte di coprifuoco dopo che il Governatore del Maryland ha dichiarato lo Stato d’emergenza e mobilitato l’esercito

Lettura in corso:

Tensione a Baltimora nella prima notte di coprifuoco

Dimensioni di testo Aa Aa

Baltimora vive la sua prima notte di coprifuoco dopo che il Governatore del Maryland ha dichiarato lo Stato d’emergenza e mobilitato l’esercito.

Misure estreme per una situazione che, dopo gli scontri e i disordini scoppiati a margine dei funerali di Freddie Grey, aveva fatto temere il ripetersi di una nuova Ferguson.

Brian E. Frosh, il Ministro della Giustizia del Maryland: “Spero che non sia stato un punto di non ritorno per il Paese” dice ai microfoni di euronews. “Spero che la scorsa notte si sia trattato di un’aberrazzione che non si ripeterà mai più. Il Governatore ha dichiarato lo stato d’emergenza. Spero che questo contribuirà a mantenere la calma perchè restiamo con una tremenda eredità”.

Le scene di violenza, i negozi sventrati, le auto bruciate: le autorità locali hanno parlato di bande criminali che hanno colto l’occasione per fare terra bruciata a Baltimora Ovest. Ma i residenti hanno qualcosa da dire in merito:

“I media ci descrivono come degli animali, danno la parola ai più ignoranti, alle persone meno colte quando parlano della situazione. La verità è che siamo tutti stufi” dice una ragazza di colore.

La morte di Freddie Grey, 25 anni, è avvenuta in circostanze ancora non chiare, dopo il fermo e l’interrogatorio da parte della polizia. Un giovane nero di troppo ucciso dagli agenti, secondo la comunità afroamericana.