ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Amore e cioccolato, connubio perfetto a Obidos

Lettura in corso:

Amore e cioccolato, connubio perfetto a Obidos

Dimensioni di testo Aa Aa

La piccola cittadina medievale portoghese ospita un festival goloso in un ambiente da favola. Un po' (in piccolo) come a Perugia.

Obidos, cittadina portoghese a circa un’ora da Lisbona. Tappa imperdibile per golosi. Qui si svolge un festival del cioccolato che, per suggestività dell’ambientazione, può avere come unico rivale il perugino Eurochocolate.

I vicoli del piccolo borgo medievale si trasformano in una favola per ghiottoni.

“Obidos – racconta l’organizzatore del festival, Ricardo Ribeiro – è una città romantica e in molti vengono qui per stare col proprio amore. Obidos è terra di passione. Quando ci piace qualcuno, gli offriamo del cioccolato, quindi credo sia il connubio perfetto. Questo è stato il teatro della grande storia d’amore di Pedro e Ines. Quindi è il luogo ideale per creare legami forti. Obidos, cioccolato, sotto il comune denominatore dell’amore”.

La storia di Pedro e Ines. Impossibile per volere del padre di lui, tra l’erede al trono di Portogallo e la dama di compagnia imparentata con la casa dei Castiglia. La sposò lo stesso, in gran segreto, ma il genitore lo scoprì e la fece uccidere.

Quando divenne re fece incorornare il cadavere di lei.

Ispira da secoli artisti e poeti lusitani. Ora lo fa anche con gli artisti del cioccolato.

Ma non è una materia facile da lavorare, come spiega il maestro cioccolatiere Diogo Esteves: “bisogna avere molta cura. Bisogna stare attenti all’umidità. L’acqua rovina il cioccolato, così come il calore. Per questo usiamo aria condizionata, che ci aiuta a controllare le temperature nelle stanze. Le sculture non possono sopportare variazioni di temperatura, altrimenti finiscono per rovinarsi completamente”.

Ma ciò che più conta è mangiare cioccolato. Per i bambini c‘è la pizza ricoperta di crema spalmabile e decorazioni golose.

I più grandi possono godersi un bicchierino di ginja, liquore a base di amarene, e dopo averlo svuotato…trangugiarlo, essendo anch’esso fatto di cioccolato.