ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kyev, protesta dei minatori contro i tagli al settore

Protesta dei minatori ucraini davanti al ministero dell’Energia di Kyev. Diverse centinaia di lavoratori hanno dato vita a un rumoroso sit-in

Lettura in corso:

Kyev, protesta dei minatori contro i tagli al settore

Dimensioni di testo Aa Aa

Protesta dei minatori ucraini davanti al ministero dell’Energia di Kyev.

Diverse centinaia di lavoratori hanno dato vita a un rumoroso sit-in. Secondo i loro rappresentanti, il governo non fa niente per contrastare la crisi del settore minerario.

“I minatori chiedono la riapertura delle mine, aumenti salariali e la riattivazione dei sussidi statali per il settore. Chiedono anche le dimissioni del ministro dell’Energia, che nei giorni scorsi ha annunciato la chiusura di almeno tre miniere statali”.

I tagli decisi dal governo sono stati imposti dagli organismi internazionali che hanno erogato ingenti prestiti all’Ucraina. Da qui la rabbia dei lavoratori.

“Nelle nostre miniere non esistono sistemi per la sicurezza, e non ci sono i soldi per fornirsi del materiale necessario a costruire i tunnel. Rischiamo la vita per estrarre carbone per lo stato e guadagnarci da vivere per le nostre famiglie. Come posso spiegare ai miei figli che non avrò da dargli da mangiare?”

La guerra civile in corso nell’est dell’Ucraina ha fatto schizzare i costi di estrazione. Il governo, che parla della chiusura di 11 miniere, si dice pronto ad acquistare carbone all’estero per le sue centrali energetiche.