ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Yemen: stop ai bombardamenti sauditi, ora Ryadh annuncia ricostruzione

L’Arabia Saudita annuncia la fine dei bombardamenti sullo Yemen, poche ore dopo aver ordinato la mobilitazione della Guardia Nazionale, cosa che

Lettura in corso:

Yemen: stop ai bombardamenti sauditi, ora Ryadh annuncia ricostruzione

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Arabia Saudita annuncia la fine dei bombardamenti sullo Yemen, poche ore dopo aver ordinato la mobilitazione della Guardia Nazionale, cosa che lasciava presagire un intervento di terra. Un vice-ministro iraniano si era detto certo che la campagna sarebbe terminata di lì a breve, dopo la presentazione di un piano di pace.

L’annuncio è arrivato qualche ora dopo, e l’ha dato il generale saudita Ahmed Asiri:

“I principali obiettivi della missione sono stati raggiunti – ha detto -, e anche gli obiettivi sul terreno, è stata tutelata la legittimità e il popolo yemenita non è più in pericolo come prima”.

In giornata si erano registrate ancora almeno quaranta vittime, in buona parte civili: era stato colpito un ponte, e gli aerei della coalizione a guida saudita avevano preso di mira anche una cittadina a ridosso della frontiera.

Le organizzazioni internazionali parlano di quasi mille morti dal 19 marzo, e oltre 3.500 feriti.

L’Arabia Saudita ha annunciato l’avvio di una nuova operazione, questa volta, almeno ufficialmente, umanitaria. Chiusa “Decisive storm”, si passa a “Restauration of Hope”, cioè ricostruzione della speranza, la ricostruzione del Paese.

Se all’estero ora si parla di negoziati, sul terreno resta alta la tensione, come a Taiz, terza città del paese, dove si è riaperto un fronte che i ribelli Huthi credevano di aver già chiuso. Ribelli che smentiscono di aver perso quasi tutti gli armamenti, come affermato dai sauditi.

Davanti alla costa yemenita stazionano ora nove navi militari americane, con l’arrivo della portaerei Roosevelt. In zona anche due navi iraniane.