ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Finlandia, la missione del futuro premier Sipila: rimettere in sesto l'economia

Lettura in corso:

Finlandia, la missione del futuro premier Sipila: rimettere in sesto l'economia

Dimensioni di testo Aa Aa

Si chiama Juha Sipila l’uomo scelto dagli elettori per applicare all’economia della Finlandia la stessa ricetta di tagli che Helsinki predica altrove.

Nel weekend il tycoon delle telecomunicazioni ha condotto il suo Partito di Centro alla vittoria contro il premier uscente Stubb. L’obiettivo sarà ora quello di risollevare le sorti del Paese nordico dopo tre anni di recessione.

“Non ci sono cose che vanno particolarmente male. Dobbiamo solo prendere decisioni migliori”, dice una ragazza per le strade della capitale. “Non ho grandi inquietudini. Ma avere troppo debito pubblico è un po’ preoccupante e la cosa dev’essere risolta”, afferma una signora.

Grande alleata della Germania nel dibattito sull’austerità e sulle riforme, la Finlandia è stata decisamente meno fortunata nei risultati. Le previsioni 2015 parlano di crescita flebile, di disoccupazione in aumento e, soprattutto, di un debito pubblico in rapida progressione in confronto al Pil.

Le cause, spiegano gli esperti, sono strutturali: si va dal declino del settore IT, ben simboleggiato dalle vicende di Nokia, alla perdita di competitività provocata dall’aumento dei salari e delle dinamiche demografiche.

Senza contare i fattori geopolitici: la Finlandia è stata infatti uno dei Paesi più colpiti dall’embargo sugli alimenti occidentali imposto dalla Russia, tradizionale mercato di sbocco delle esportazioni finlandesi.