ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Atene chiama Mosca: Tsipras cerca una sponda in Putin


Grecia

Atene chiama Mosca: Tsipras cerca una sponda in Putin

La Grecia di Tsipras in difficoltà con Bruxelles e con i suoi creditori internazionali trova forse una sponda nella Russia di Putin. Parziale revoca dell’embargo sui suoi prodotti agroalimentari, riduzione del prezzo del gas e forse anche nuovi prestiti, quanto il premier greco potrebbe ottenere nel corso della sua maratona di incontri a Mosca di mercoledì.

Alla vigilia della visita, Russia Today pubblica dichiarazioni del premier greco, secondo le quali la “guerra economica contro la Russia” farebbe ormai parte di politiche sorpassate.

Le indiscrezioni della stampa russa arrivano poche ore dopo le rassicurazioni del Ministro delle Finanze greco alla numero uno dell’FMI.

In visita a Washington, Yanis Varoufakis ha detto a Christine Lagarde che Atene onorerà tutti i suoi debiti, a partire da quello da 450 milioni di euro in scadenza giovedì.

Si precisano, intanto, le riparazioni di guerra che la Grecia rivendica dalla Germania. A quasi un mese dalla minaccia di attuare una vecchia sentenza della Corte Suprema che autorizza la confisca di beni tedeschi per indennizzare le vittime della strage nazista nel villaggio di Distomo, il vice-ministro delle Finanze greco ha quantificato in quasi 279 miliardi di euro la cifra reclamata da Atene. Numeri – e concetto – a più riprese respinti da Berlino, che ha invocato un risarcimento già effettuato nel 1960.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Siria: campo profughi di al Yarmuk. Disastro umanitario alle porte di Damasco