ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, forse i neonazisti dietro all'incendio di una casa per rifugiati

Protestano gli abitanti di Troeglitz, piccola cittadina della Germania: non accettano che qualcuno abbia appiccato intenzionalmente il fuoco

Lettura in corso:

Germania, forse i neonazisti dietro all'incendio di una casa per rifugiati

Dimensioni di testo Aa Aa

Protestano gli abitanti di Troeglitz, piccola cittadina della Germania: non accettano che qualcuno abbia appiccato intenzionalmente il fuoco all’edificio di tre piani che avrebbe dovuto ospitare una quarantina di rifugiati a partire da maggio. “Insieme per gli altri” si legge sui loro striscioni, mentre dalle prime indagini della polizia emerge che all’origine del rogo ci sarebbero persone vicine al partito neonazista Npd.
“Siamo qui per una ragione difficile, orribile e triste che sfortunatamente ha riportato Troeglitz al centro delle cronache. Sono senza parole. Ho provato a dare spiegazioni alla stampa ma non ho davvero parole per quello che è successo”. Markus Nierth è l’ex sindaco di Troeglitz e l’ideatore della casa per i rifugiati: all’inizio di marzo si è dovuto dimettere per via delle minacce ricevute proprio dall’Npd: temeva per la sua famiglia, ha spiegato, lamentando la scarsa collaborazione del mondo politico ed istituzionale tedesco.