This content is not available in your region

Nigeria. Proteste e denunce brogli nel Sud del Paese

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Nigeria. Proteste e denunce brogli nel Sud del Paese

<p>Mentre s’avvia a conclusione il conteggio delle schede dopo il secondo giorno di voto, nel Sud della Nigeria si sono moltiplicate ieri le manifestazioni per denunciare frodi elettorali e chiedere l’annullamento delle presidenziali e delle legislative.</p> <p>Una situazione che, dopo le violenze di sabato e la calma relativa di ieri, ripropone lo spettro del caos post-elettorale vissuto nel 2011.</p> <p>Il Presidente uscente Goodluck Johnathan del People’s Democratic Party, e lo sfidante Muhammadu Buhari dell’All Progressive Congress si erano impegnati al rispetto del voto se non ci fossero stati brogli.</p> <p>Ad Abuja, il Professor Attahiro Jega, Presidente della Commissione Elettorale Nazionale Indipendente:</p> <p>“Siamo preoccupati per quel che sta accadendo nello Stato di Rivers” ha detto. “Ci sono molti casi di sospette irregolarità. Rivolgiamo ovviamente la massima attenzione all’indagine di questi casi”.</p> <p>Lo Stato di Rivers, dove è concentrato il grosso della produzione petrolifera della Nigeria, è uno Stato chiave per il voto, uno dei più popolosi del Paese che ha quasi 70 milioni di elettori.</p> <p>Per vincere le presidenziali uno dei 14 candidati ufficiali deve ottenere almeno il 25% delle preferenze nei 2/3 dei 36 Stati della Federazione.</p>