ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germanwings. La priorità: trovare la seconda scatola nera

La priorità per le squadre impegnate sulle Alpi francesi resta individuare la seconda scatola nera dell’Airubus di Germanwings per poter completare

Lettura in corso:

Germanwings. La priorità: trovare la seconda scatola nera

Dimensioni di testo Aa Aa

La priorità per le squadre impegnate sulle Alpi francesi resta individuare la seconda scatola nera dell’Airubus di Germanwings per poter completare il quadro della catastrofe che il 24 marzo ha portato alla morte di 150 persone.

Entro lunedì sera dovrebbe essere terminata la costruzione di un percorso che permetta a mezzi speciali di arrivare in loco per caricare i resti più pesanti della carlinga. Di pari passo procedono le analisi sull’identità delle vittime attraverso le prove del Dna. Gli specialisti avrebbero isolato fino ad ora le tracce di 78 persone.

Intanto dalla stampa tedesca sono arrivati ieri ulteriori dettagli sugli ultimi attimi prima dello schianto contro il Massiccio dei Tre Vescovadi e sulla storia e la figura del copilota Andreas Lubitz.

L’uomo, 28 anni, rimasto solo alla guida dell’Airbus A320 e che lo avrebbe deliberatamente portato a schiantarsi contro le montagne, avrebbe sofferto di un distacco della retina. Resta da capire se sul suo timore di poter perdere la vista influisse maggiormente un problema fisico o psicosomatico. Interrogativi la cui eventuale risposta difficilmente darà sollievo ai familiari delle vittime.