ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Disastro Germanwings, il procuratore di Marsiglia: "Gesto volontario"

Il disastro aereo della Germanwings è stato deliberatamente causato dal co-pilota. E’ l’unica conclusione possibile, dopo aver ascoltato le

Lettura in corso:

Disastro Germanwings, il procuratore di Marsiglia: "Gesto volontario"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il disastro aereo della Germanwings è stato deliberatamente causato dal co-pilota. E’ l’unica conclusione possibile, dopo aver ascoltato le registrazioni della scatola nera. Lo ha confermato il magistrato di Marsiglia che gestisce l’inchiesta e ha parlato in conferenza stampa.
“Il co-pilota è rimasto solo al comando” dell’aereo, ha detto il procuratore Brice Robin. Il comandante ha provato a entrare in cabina, una volta uscito “ha bussato più volte, anche con colpi violenti”, ma “non ha ricevuto risposta”.

Il co-pilota è il tedesco Andreas Lubitz e si era formato alla scuola di volo della Lufthansa.

Per la prima mezzora di volo il comandante e il co-pilota hanno degli scambi verbali “normali” e “cordiali”. Dalla registrazione, sottolinea, non emerge “nulla di anormale”.
Poi, il comandante prepara il briefing per l’atterraggio a Duesseldorf e “la risposta del co-pilota sembra laconica”. A quel punto, ha proseguito Robin, si sente il comandante chiedere al co-pilota di prendere i comandi e il rumore di un sedile e di una porta che si chiude.

Brice ha parlato di “gesto volontario”. Il co-pilota è rimasto da solo in cabina e ha azionato “volontariamente” la discesa dell’aereo.
Il co-pilota non aveva un malore: l’audio mostra che il respiro era normale. Durante quei minuti, il co-pilota non ha lanciato allarmi né ha risposto agli appelli dei controllori di volo.
Secondo il magistrato, i passeggeri si sarebbero accorti di quanto stava accadendo soltanto negli ultimi istanti.