ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tunisia, celebrato funerale dell'agente ucciso. I racconti dei sopravvissuti

Il corpo di polizia di Tunisi ha reso omaggio all’agente ucciso mercoledì durante l’attacco jihadista al museo del Bardo. Il feretro, ricoperto dalla

Lettura in corso:

Tunisia, celebrato funerale dell'agente ucciso. I racconti dei sopravvissuti

Dimensioni di testo Aa Aa

Il corpo di polizia di Tunisi ha reso omaggio all’agente ucciso mercoledì durante l’attacco jihadista al museo del Bardo.

Il feretro, ricoperto dalla bandiera nazionale, è stato trasportato al quartier generale delle forze dell’ordine, dove si è svolta la cerimonia funebre, alla presenza del ministro dell’interno.

All’indomani della strage, la Tunisia è ancora sotto choc per un’azione che, per la prima volta dopo la rivoluzione del gennaio 2011, prende di mira dei cittadini stranieri.

Tra i sopravvissuti all’attacco, ora sotto osservazione in ospedale, alcuni hanno visto famigliari e conoscenti morire davanti ai loro occhi.

“Ho visto un terrorista sbucare dal corridoio, è entrato sparando – racconta Marylin, che si dice viva per miracolo – chi mi stava davanti mi ha protetto e purtroppo è morto. Io sono sana e salva mentre la persona che era davanti a me si è presa un proiettile in testa”.

L’uomo che parla a uno dei medici si trovava nel museo insieme alla moglie e al figlio piccolo. Quando i terroristi hanno aperto il fuoco, ha avuto appena qualche istante per decidere cosa fare.

“Ho fatto quel che ho potuto – racconta – dovevo scegliere tra mio figlio e mia moglie, sono riuscito a proteggere solo lui. Gli sono saltato addosso per coprirlo, ma non ho potuto proteggere anche mia moglie”.

Al giornalista che gli chiede se lei sia ancora viva, risponde di si: “E’ viva ed è già qualcosa”.

Tra le vittime straniere, ci sono almeno nove turisti che erano arrivati a bordo della nave da crocera MSC Splendida e altri tre che viaggiavano sulla Costa Fascinosa. Entrambe le compagnie hanno deciso di sospendere gli scali a Tunisi.