ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nucleare. Alan Eyre: Iran sa di dover prendere decisioni importanti

A Losanna, in Svizzera, la diplomazia lavora a pieno ritmo sul dossier del nucleare iraniano. La delegazione di Teheran e quella degli Stati Uniti

Lettura in corso:

Nucleare. Alan Eyre: Iran sa di dover prendere decisioni importanti

Dimensioni di testo Aa Aa

A Losanna, in Svizzera, la diplomazia lavora a pieno ritmo sul dossier del nucleare iraniano. La delegazione di Teheran e quella degli Stati Uniti sono impegnate in una trattativa diretta che si inserisce nel quadro dei negoziati del cosiddetto gruppo dei “5+1” formato da Usa, Russia, Cina, Regno Unito, Francia più la Germania.

Alan Eyre è il primo portavoce del Dipartimento di Stato americano ad avere una perfetta padronanza del farsi: “Da oltre un anno a questa parte abbiamo fatto enormi progressi e l’Iran sa bene che per dare soddisfazione alla comunità internazionale sul suo programma nucleare deve prendere delle decisioni importanti” dice.

L’amministrazione Obama vuole chiudere un accordo quadro entro il 31 di marzo, data oltre la quale non intende continuare il negoziato attuale.

“Quel che vogliamo” spiega Eyre “è eliminare ogni possibilità che l’Iran si doti della bomba nulceare. Dal nostro punto di vista per ottenere la bomba l’Iran deve riuscire ad arricchire l’uranio a Natanz o Fordou, o a produrre plutonio ad Arak o in altri siti segreti”.

I tempi sono stretti, la pressione di Israele da un lato e quella dei Repubblicani al Congresso dall’altro non alleggeriscono il clima delle trattative.

La nostra inviata a Losanna Reihaneh Mazaheri: “I negoziati tra i Ministri degli Esteri di entrambe i Paesi continunano. Benchè all’inizio di questa settimana ci fosse la speranza di un accordo, ora ambo le parti sottolineano piuttosto il perdurare di divergenze fondamentali. Mantengono comunque intatta la speranza di arrivare ad un’intesa entro la fine di marzo’‘.