ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Netanyahu vince contro pronostici, Likud primo partito davanti a centrosinistra di Herzog

Alla vigilia del voto si parlava della fine di “King Bibi”. Dopo i primi exit poll è stato un testa a testa con il centro sinistra di Herzog, il

Lettura in corso:

Netanyahu vince contro pronostici, Likud primo partito davanti a centrosinistra di Herzog

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla vigilia del voto si parlava della fine di “King Bibi”. Dopo i primi exit poll è stato un testa a testa con il centro sinistra di Herzog, il grande sfidante. Ora i risultati definitivi delle legislative in Israele danno al Likud del Premier Benjamin Netanyahu una vittoria netta: 29 seggi alla Knesset, il Parlamento dello Stato Ebraico, contro i 24 ottenuti dal laburista Isaac Herzog.

Una situazione che obbliga comunque alla roulette delle trattative per un governo di coalizione, ma che rende ancora più chiara la vittoria del leader della destra israeliana.

“Sono fiero del popolo di Israele che nel momento della verità ha saputo fare la differenza tra quel che è essenziale e quel che è superfluo. Che ha saputo concentrarsi sui temi più importanti: la sicurezza, un’economia responsabile e la protezione sociale che vogliamo” ha detto Natanyahu subito dopo aver conosciuto l’esito delle proiezioni, quando l’ipotesi era di un testa a testa con 27 seggi sia per il Likud che per l’Unione Sionista di Herzog.

Ma ora il Likud ha tutte le carte in regola per formare una coalizione grazie all’appoggio della destra nazionalista e degli ortodossi religiosi, dagli ultraortodossi dello Shas (7 seggi) fino a Yisrael Beiteinu di Avigdor Lieberman (soli 6 seggi).

L’Unione Sionista di Isaac Herzog che fino a ieri sera rivendicava una vittoria nell’ottica del testa a testa, risulta notevolmente ridimensionata.

“Non saremmo arrivati a questo risultato senza la coraggiosa alleanza con Tzipi Livni. Un risultato che ci permette di tornare al potere, anche se attendiamo di vedere il quadro completo” aveva detto dopo i primi risultati, auspicando addirittura la formazione di un governo della sinistra.

Ed è proprio il quadro completo – benchè i risultati definitivi saranno ufficializzati solo venerdì – a confermare la linea vincente del discorso sulla sicurezza di Netanyahu. Ora un ruolo cruciale l’avrà il posizionamento dei centristi di Moshe Kahlon (forti di 10 seggi), da cui sostanzialmente dipende la possibilità di formare un governo su solide basi, con poco meno di 70 seggi in un Parlamento che conta 120 deputati.