ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Vanuatu, arrivano primi aiuti ma soccorsi difficili


Australia

Vanuatu, arrivano primi aiuti ma soccorsi difficili

L’appello lanciato dal Presidente di Vanuatu per l’aiuto internazionale dopo la devastazione del ciclone Pam ha messo in moto la macchina della solidarità.

La vicina Australia, la Nuova Zelanda, la Nuova Caledonia ma anche la Francia sono in prima linea nell’invio di aiuti verso l’arcipelago. Mentre il bilancio ufficiale delle vittime è salito a 24 morti, ma si tratta soltanto delle vittime confermate, mentre le ricerche e i soccorsi procedono tra mille difficoltà, con molte delle oltre 80 isole ancora irraggiungibili.

A Brisbane, in Australia, fanno rientro i turisti tornati dalla capitale di Vanuatu Port Vila, praticamente rasa al suolo. Charlene Spiteri e il suo compagno sono australiani:

“È stato come se l’inferno stesse bussando alla nostra porta” racconta lei. “Il rumore, l’ululato del vento, le finestre che sbattevano. Il nostro albergo era sicuro, siamo stati molto fortunati rispetto a quel che è successo, a quel che sta passando la popolazione locale”.

Jane Newsome è una turista britannica: “I villaggi, tutti gli alberi spazzati via. Non c‘è riparo, cercano di ripararsi con dei teloni. Quindi vi prego, vi prego: cercate di aiutarli”.

Il ciclone di categoria 5, la più elevata, ha lasciato Port Vila completamente priva d’elettricità, mentre la rete idrica è stata in gran parte riattivata. Da domenica vige in tutto il Paese lo Stato di emergenza e un copri fuoco a partire dalle 18 per evitare i saccheggi.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Nucleare Iran. Mogherini: intesa possibile ma restano divergenze