ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele al voto, giorno della sfida Netanyahu e Herzog

E’ il momento della verità per Benjamin Netanyahu. Dopo nove anni alla guida di Israele, oggi il premier uscente si gioca la possibilità di ottenere

Lettura in corso:

Israele al voto, giorno della sfida Netanyahu e Herzog

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ il momento della verità per Benjamin Netanyahu. Dopo nove anni alla guida di Israele, oggi il premier uscente si gioca la possibilità di ottenere un quarto mandato che lo avvicinerebbe al record di longevità politica stabilito da David Ben Gourion.

Per mobilitare la destra nazionalista, ha promesso di impedire la formazione di uno Stato palestinese.

“C‘è solo una cosa da fare perché la sinistra non prenda il potere: bisogna votare per il Likud”, ha detto Netanyahu recandosi al seggio, accompagnato dalla moglie.

In questa campagna elettorale, “Bibi” è stato però costretto a inseguire il suo avversario laburista, Isaac Herzog, che, alla guida dell’Unione sionista, è in testa nei sondaggi.

Recandosi a votare, questo avvocato di 54 anni ha promesso speranza e cambiamento. “Voglio solo il bene di Israele – ha affermato – e, se otterrò l’incarico, cercherò di formare il miglior governo possibile”.

Anche in caso di vittoria, tuttavia, Herzog non avrebbe la certezza di ottenere il mandato. In un Parlamento sbilanciato decisamente a destra, niente assicura infatti che un candidato laburista riesca a formare una coalizione. Molto dipenderà dai risultati della lista centrista di Moshe Kahlon e dell’unione dei partiti arabi.

I circa sei milioni di elettori israeliani hanno tempo fino alle 22, ora italiana, per recarsi a votare.