ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Con l'e-banking attenti all'hacker

Lettura in corso:

Con l'e-banking attenti all'hacker

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuovo record nel 2014 per le minacce cibernetiche stando agli esperti della Kaspersky fornitrice di programmi per la sicurezza on line. Un computer o

Nuovo record nel 2014 per le minacce cibernetiche stando agli esperti della Kaspersky fornitrice di programmi per la sicurezza on line. Un computer o un portatile su tre sono incappati l’anno scorso in questa minaccia.

I pirati informatici mirano ai dati dell’e-banking di aziende e privati. In gennaio una PMI elvetica ha perso circa un milione di euro nel corso di una transazione finanziaria piratata.

La vittima un impiegato della contabilità dell’azienda che non si è accorto di nulla. L’addetto aveva inizialmente aperto un allegato contenente un virus. Impadronitosi del computer il virus ha aperto la strada ai pirati informatici che attendevano la connessione con l’e-banking per compiere la truffa.

FREDERIC MARCHON, portavoce del Cantone di Friburgo:
«Collegandosi all’e-banking il Cavallo di Troia, cioè il virus, si attiva. Un messaggio che chiedeva di attendere era apparso sul computer. Cosi’ nel lasso di 20 o 30 minuti mentre l’intestatario non poteva fare nulla col computer gli hacker sono riusciti a manovrare da postazione remota ed eseguire diversi pagamenti su conti esteri”.

I virus che consentono di effettuare queste manovre abbondano sul web. Li si ritrova nelle versioni aggiornate a poco piu’ di 1000 euro sul dark net. Sono programmi pirata che, d’altro canto, hanno anche un vantaggio : possono sorvegliare il computer infettato e lanciare l’allerta, quando si effettuano le connessioni e-banking da quella postazione. Questo esperto di sicurezza informatica si mette nei panni di un hacker per spiegarci i dettagli della procedura.

CEDRIC ENZLER, esperto informatico:
« Mi sono collegato al mio programma pirata e così posso vedere precisamente tutti i computer che sono riuscito a infettare, quanti di questi computer sono collegati in quel momento sui siti di e-banking che voglio piratare. Al momento ne vedo due che sono collegati ed effettuano delle potenziali transazioni”.

La Confederazione Elvetica ha posto in essere un centro d’ analisi per registrare e trattare gli attacchi informatici che hanno come obiettivo le aziende. Eppure nonostante le nostre domande non abbiamo diritto a conoscere le cifre.

MAX KLAUS, esperto informatico:
« E’ un problema grande. Bisogna sapere che i malintenzionati su internet, che vogliono guadagnare soldi in questo modo, si rivolgono principalmente all’e-banking. »

Secondo un professore dell’alta scuola di specializzazione di Berna la discrezione che copre il tema ha un’altra ragione: le soluzioni che ci permettono di accedere al nostro e-banking sono permeabili.

RETO E. KOENIG, professore: “L’e-banking, dal punto di vista elettronico, è sicuro. Le banche utilizzano protocolli sicuri, il problema sorge quando le informazioni vengono trasferite al computer del cliente. Qui non siamo più al sicuro. Che si tratti di un computer o uno smartphone, gli hacker possono prenderne il controllo, quindi non c‘è sicurezza”.

Alcune delle banche che abbiamo interpellato non vogliono rispondere alle domande davanti a una telecamera. Nelle loro clausole generali le banche svizzere mettono in guardia i clienti sui problemi di sicurezza legati a internet. Ma vi sono clausole che non liberano i clienti da responsabilità in caso di problemi.

MATHIEU FLEURY, membro associazione per i diritti del consumatori: «Il cliente diventa una doppia vittima. E’ vittima di una truffa e allo stesso tempo non puo’ difendersi dalle condizioni generali de suo contratto. Ci sono a volte accordi fra il cliente e le banche, ma spesso questi accordi sono tenuti segreti e quindi non si riesce a sapere cosa accade realmente tra banca e cliente”.

In uno dei rari casi resi pubblici in Svizzera un cliente che aveva perso 1500 euro con la violazione del suo e-banking è stato rimborsato dalla banca. Nel 2012, ancora in Svizzera, una vittima aveva reclamato il rimborso davanti alle telecamere. Per evitare questo genere di scandali le banche preferiscono a volte mettere mano al portafogli. Il problema è nevralgico e colpisce la reputazione delle istituzioni finanziarie.