This content is not available in your region

Ucraina: la guerra dei bambini

Access to the comments Commenti
Di Salvatore Falco  Agenzie:  Ap-Aptn
Ucraina: la guerra dei bambini

<p>Chermalyk, nell’est dell’Ucraina. In questo villaggio di duemila abitanti, i bambini giocano alla guerra saltando dai crateri provocati dai missili Grad.</p> <p>Li usano come delle trincee da difendere. Tolik Tokar, ha 11 anni. Il suo gioco preferito è nascondersi nell’enorme buco e attendere il nemico. Quando lo vede, alza la testa e finge di sparare ai cattivi: i separatisti filo-russi.</p> <p>Ai bambini dell’Ucraina dell’est è permesso di uscire solo poche ore al giorno per il pericolo dei bombardamenti. </p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>Come impattano i combattimenti in <a href="https://twitter.com/hashtag/Ucraina?src=hash">#Ucraina</a> sulla vita dei <a href="https://twitter.com/hashtag/bambini?src=hash">#bambini</a> 5 Punti <a href="http://t.co/IPXJD9MH8K">http://t.co/IPXJD9MH8K</a> <a href="http://t.co/pXsOlcQIqq">pic.twitter.com/pXsOlcQIqq</a></p>— daniela caputo (@danielacaputo) <a href="https://twitter.com/danielacaputo/status/572500227141320704">March 2, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Le loro armi giocattolo sono ricavate da bastoni di legno, ma Tokar, a 11 anni, ha già visto una persona sparare proiettili veri. Si è ritrovato nel mezzo di uno scontro a fuoco tra esercito ucraino e separatisti.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>Dal 12 febbraio 63 bambini sono morti nell'est <a href="https://twitter.com/hashtag/Ucraina?src=hash">#Ucraina</a> Stanno davvero pagando un prezzo troppo alto <a href="https://twitter.com/GiovannaUNICEF"><code>GiovannaUNICEF</a> <a href="http://t.co/Z6KZeg4as2">pic.twitter.com/Z6KZeg4as2</a></p>&mdash; Andrea Iacomini (</code>Andrea_Iacomini) <a href="https://twitter.com/Andrea_Iacomini/status/566277341828382720">February 13, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> Lui è vivo, mentre sono almeno 63 i bambini uccisi in Ucraina dell’est, secondo i dati diffusi dall’Unicef. <p>“I proiettili sono passati attraverso la camicia – ricorda Tokar – Hanno strappato la stoffa sopra la spalla. Sono proprio nato con la camicia”, scherza.</p> <p>I bambini soffrono enormi livelli di stress a causa del conflitto. Da settembre, riferisce l’Unicef, le persone nelle zone di guerra trascorrono la maggior parte delle loro giornate e le notti in rifugi collettivi, senza accesso ad acqua potabile, servizi igienici e cibo.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p><a href="https://twitter.com/hashtag/Ucraina?src=hash">#Ucraina</a>, mille <a href="https://twitter.com/hashtag/bambini?src=hash">#bambini</a> bloccati nei rifugi <a href="http://t.co/DXL1AYQHyv">http://t.co/DXL1AYQHyv</a> <a href="http://t.co/lIf5RowZqL">pic.twitter.com/lIf5RowZqL</a></p>— VolontariatOggi (@VolontariatOggi) <a href="https://twitter.com/VolontariatOggi/status/560446533242748928">January 28, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>“Lei ha 3 anni e già sa cos‘è un carro armato – dice Tatiana Belash, madre di Zlata. Entrambe sono fuggite da Popasna – Questo non è normale. I bambini hanno problemi psicologici già a questa età. Cosa accadrà dopo? Dicono che i bambini degli anni Novanta sono incontrollabili, ma cosa accadrà a questi bambini? Stanno crescendo tra le rovine. Non ci sono asili nido, scuole, niente”.</p> <p>A Khartsyik, villaggio di 60mila abitanti a pochi chilomentri da Donetsk, i bambini giocano anch’essi alla guerra, ma con ruoli invertiti. Qui il nemico è l’esercito ucraino.</p> <p>Seryozha ha sette anni e nei suoi disegni riproduce i carri armati. Come molti dei suoi cotanei, non ricorda come fosse la sua vita prima della guerra.</p> <p>I suoi genitori sono morti di tubercolosi e lui, per una svista burocratica, è stato separato dai suoi 3 fratelli.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>I bambini nella guerra in est Ucraina: <a href="https://twitter.com/bondarenko_as"><code>bondarenko_as</a>: <a href="https://twitter.com/hashtag/savedonbasschildren?src=hash">#savedonbasschildren</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/savedonbasspeople?src=hash">#savedonbasspeople</a> <a href="http://t.co/NsCb2F1TgL">pic.twitter.com/NsCb2F1TgL</a></p>&mdash; Luigi De Gennaro (</code>luigidegennar) <a href="https://twitter.com/luigidegennar/status/472490400360701952">May 30, 2014</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Seryozha, Yulia e gli altri bambini di questa casa-famiglia non possono essere adottati perché i tribunali non funzionano. Intrappolati nella guerra, ne prendono in prestito dalla televisione, esclusivamente russa, il linguaggio. Le truppe ucraine sono nazisti o “Ukrops”, una parola dispregiativa.</p> <p>“No, quegli ucraini, gli ukrops no – dice Yulia – Capisco che sono anche loro delle persone, ma uccidono. Così mi ha detto mio nonno”.</p> <p>Circa un milione di ucraini dell’est sono sfollati. Fra loro 130.000 bambini.</p> <p>“Questi bambini ricevono informazioni a senso unico. Vedono che le truppe governative ci sparano addosso e che padri e fratelli prendono le armi per proteggerci – spiega Elena Nikulenko direttrice della casa famiglia di Khartsyik – I bambini ascoltano le conversazioni degli adulti. Da una parte ci sono ‘Ukrops ‘, il termine dispregiativo per indicare i soldati ucraini, dall’altra i loro padri definti terroristi e insorti. Quindi i bambini si definiscono essi stessi terroristi”.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>"<a href="https://twitter.com/repubblicait"><code>repubblicait</a>: L&#39;ultimo reportage di Andrea <a href="https://twitter.com/hashtag/Rocchelli?src=hash">#Rocchelli</a> in <a href="https://twitter.com/hashtag/Ucraina?src=hash">#Ucraina</a>: i bambini nella buca <a href="http://t.co/gxYbBWZs8A">http://t.co/gxYbBWZs8A</a> <a href="http://t.co/IMYI0lmR6O">pic.twitter.com/IMYI0lmR6O</a>&quot;</p>&mdash; Giuseppe Manganaro (</code>GiuMang81) <a href="https://twitter.com/GiuMang81/status/470538159445803008">May 25, 2014</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>