ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parigi: riapre il supermercato kosher attaccato da Coulibaly

Si riaprono le porte dell’HyperCacher di Porte de Vincennes a Parigi, a due mesi dall’attacco di Amedy Coulibaly. Il supermercato di prodotti kosher

Lettura in corso:

Parigi: riapre il supermercato kosher attaccato da Coulibaly

Dimensioni di testo Aa Aa

Si riaprono le porte dell’HyperCacher di Porte de Vincennes a Parigi, a due mesi
dall’attacco di Amedy Coulibaly. Il supermercato di prodotti kosher è stato teatro il 9 gennaio del sequestro in cui furono uccisi quattro ebrei. Interamente rinnovato, il negozio ha una nuova squadra di dipendenti, ancora sotto choc quelli che erano presenti il giorno dell’assalto.

“Ero qui quando c‘è stato l’attacco’‘, racconta un cliente. ‘‘Stavo per uscire a prendere l’automobile quando ho visto Coulibaly, era di fronte a me. Quando sono tornato a casa ho acceso la televisione e ho visto quello che stava accadendo, erano passati circa 45 minuti. Ecco perché sono tornato oggi, è importante che riaprono mantenendo lo stesso nome”.

“Questa è una giornata molto simbolica, un modo per dire a quelli che hanno compiuto un simile gesto o a quelli che hanno intenzione di fare qualcosa del genere che non vinceranno’‘, dice un’altra cliente.

Alla riapertura, oltre a tanti cittadini e alle autorità locali, era presente anche il ministro francese degli Interni Bernard Cazeneuve. Uno dei proprietari del negozio, Patrice Walid, ferito nell’assalto, ha deciso di partire per Israele. L’altro, Laurent Mimoun, racconta così la ragione della ripresa dell’attività: ‘‘Ieri sera quando eravamo soli nel negozio, abbiamo pensato alle vittime, sono state loro a darci la spinta per ripartire, l’energia per farlo, eravamo desiderosi di riaprire e ricostruire quello che potevamo a livello materiale.’‘

Cazeneuve ha reso omaggio alle vittime, ha fatto visita alla cella frigorifera dove un impiegato era riuscito a far nascondere alcuni clienti durante l’attacco di Coulibaly. “Siamo in piedi”, ha detto il ministro, che ha poi fatto il primo acquisto, dal sapore tutto simbolico.