ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Draghi difende il QE: aiuterà la nascente ripresa dell'Eurozona


economia

Draghi difende il QE: aiuterà la nascente ripresa dell'Eurozona

Per Mario Draghi la prima uscita pubblica dopo il lancio del piano di stimoli economici da 60 miliardi di euro al mese è l’occasione per fare un primo bilancio.

La ripresa di Eurolandia sta prendendo piede, ha detto il presidente della Banca centrale europea, e la liquidità immessa nell’economia, contrastando la deflazione, salverà crescita e lavoro.

“Sappiamo che le nostre misure potrebbero comportare alcuni rischi per la stabilità finanziaria”, ha dichiarato Draghi riferendosi a quanti (soprattutto in Germania) temono dei contraccolpi dall’acquisto diretto di titoli di Stato.

“Ma i nostri studi suggeriscono ulteriori miglioramenti nell’attività economica all’inizio di quest’anno tali che la ripresa dovrebbe gradualmente espandersi e, speriamo, rafforzarsi”, ha aggiunto.

Alla fine del 2014 il Pil del blocco euro è cresciuto dello 0,3%, meglio delle attese. Gli indicatori di inizio 2015 lasciano ben sperare ed il piano, ha detto Draghi, scaccerà il fantasma della “sindrome giapponese”, cioè il rinvio degli acquisti da parte delle famiglie in attesa di ulteriori cali dei prezzi.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

economia

Parlamento Europeo, tetto alle commissioni sulle carte di credito