ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da Maidan alla Crimea al Donbass: tutto previsto da un piano del Cremlino?

La crisi in Ucraina, dall’annessione della Crimea fino al conflitto nel Donbass, parte di un’agenda che il Cremlino avrebbe seguito sin da febbraio

Lettura in corso:

Da Maidan alla Crimea al Donbass: tutto previsto da un piano del Cremlino?

Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi in Ucraina, dall’annessione della Crimea fino al conflitto nel Donbass, parte di un’agenda che il Cremlino avrebbe seguito sin da febbraio dell’anno scorso. Sono le accuse, contestate da Mosca, emerse sul quotidiano russo ‘Novaya Gazeta’, lo stesso per il quale lavorava Anna Politkovskaya.

Due settimane prima della fuga del Presidente ucraino Viktor Yanukovich un documento pervenuto alla Presidenza russa, consigliava l’avvio di un’operazione per destabilizzare l’Ucraina. Scopo del piano, annettere parti del Paese e creare regioni federate alla Russia. Un documento che, stando alla versione dei fatti fornita dal quotidiano d’opposizione, sarebbe stato elaborato tra gli altri dall’uomo d’affari russo ortodosso Konstantin Malofeev.

Malofeev è accusato dai Paesi occidentali di avere finanziato i separatisti filorussi, motivo per cui appare nella lista dei personaggi colpiti dalle sanzioni occidentali.

Se l’autenticità del documento non è ad ora verificabile da fonti indipenddenti, la corrispondenza con l’evolversi degli eventi è significativa. Fatto che, secondo Malofeev che ha minacciato querele, confermerebbe solo l’efficacia della propaganda filo-occidentale.