ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Aerodrums": la batteria invisibile

Lettura in corso:

"Aerodrums": la batteria invisibile

Dimensioni di testo Aa Aa

Niente trucchi o inganni. Quello che vedete è un kit di una batteria elettronica invisibile. Il suo nome è “Aerodrums”: utilizza in tempo reale una

Niente trucchi o inganni. Quello che vedete è un kit di una batteria elettronica invisibile. Il suo nome è “Aerodrums”: utilizza in tempo reale una telecamera ad alta velocità capace di catturare il movimento delle bacchette grazie a un software speciale che lo trasforma poi in suono.

A differenza di un tradizionale “drumkit”, questo dispositivo, dalle dimensioni contenute, lo si può mettere anche in borsa.

Richard Lee, insieme a Yann Morvan hanno iniziato a studiare, fin da giovanissimi, i complessi algoritmi che hanno permesso di realizzare “Aerodrums” e sono andati oltre, facendo in modo di dare ai gesti un suono.

“Aerodrums è molto sensibile alla velocità, quindi se si usa un ritmo molto tranquillo si ottiengono suoni morbidi, se si colpisce forte si ottengono suoni forti. E’ molto reattivo. Ci sono voluti anni di ricerche per ottenere queste modulazioni, anche quelle basse. In caso di batteria poco carica invece il suono non è perfetto”, racconta Lee.

Aerodrums non è solo un prodotto divertente. Il sistema nasconde una tecnologia capace di rilevare i movimenti di chi lo utilizza e convertirli in suoni di alta qualità accompagnati da un livello di espressività degno di nota per batteristi e non addetti ai lavori.

“Non volevamo che “Aerodrums” fosse solo una moda passeggera. Non volevamo che fosse il gadget dell’anno che poi viene dimenticato. Doveva essere quello che è: un vero e propro strumento musicale, un modo diverso di fare musica”, dice Morvan.

Forse qualche batterista tradizionale potrebbe storcere il naso ma il prodotto alla fine è interessante. Può essere utilizzato all’interno di un set portando un sicuro “effetto scenico” durante un’esibizione live.

Senza dimenticare che per poter suonare in modo convincente, è necessario sviluppare un’ottima tecnica di controllo delle bacchette.