This content is not available in your region

Gemalto conferma: "probabile attacco ai nostri codici"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Gemalto conferma: "probabile attacco ai nostri codici"

<p>Rimangono abbottonati i vertici di Gemalto, dopo l’indagine interna sul presunto attacco, nel 2010 e 2011, per rubare i codici di criptaggio del più grande produttore al mondo di sim per telefoni cellulari.</p> <p>A renderlo noto, in base a documenti forniti dalla “gola profonda” Edward Snowden, era stato il <a href="https://firstlook.org/theintercept/2015/02/19/great-sim-heist/">quotidiano on line ‘‘The intercep’‘</a>.</p> <p>L’azienda aveva subito avviato delle verifiche. </p> <p>“Quest’attacco molto probabilmente c‘è stato. Le nostre osservazioni corroborano quanto c‘è scritto nei documenti che presumibilmente arrivano dall’Nsa e dai servizi britannici. Un’incursione molto innovativa, come non se ne sono mai viste. Non sembrerebbe compiuta da un hacker o dalla mafia, come avviene di solito”.</p> <p>La società ha affermato che sarebbe molto difficile da provare in un’aula di tribunale e ha, comunque, tenuto a sottolineare che i danni sono minimi, perché i codici violati riguardavano schede di vecchia generazione.</p>