ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: il governo Valls si salva, i deputati respingono la sfiducia

Il governo socialista francese si salva: il primo ministro Manuel Valls fa passare il progetto di legge sulle liberalizzazioni del suo ministro delle

Lettura in corso:

Francia: il governo Valls si salva, i deputati respingono la sfiducia

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo socialista francese si salva: il primo ministro Manuel Valls fa passare il progetto di legge sulle liberalizzazioni del suo ministro delle Finanze Emmanuel Macron.

L’adozione in prima lettura da parte dell’assemblea nazionale era legata alla mozione di sfiducia, che è stata respinta. A votarla l’opposizione di centro-destra e parte della sinistra radicale.

“Noi andremo avanti con tutti i mezzi previsti dalla costituzione”, ha promesso Valls. “Continueremo senza sosta a riformare. Continueremo ad andare avanti per la Francia e per i francesi”.

Valls aveva fatto ricorso a un meccanismo d’emergenza previsto dalla costituzione e poco usato: il sì alla sfiducia avrebbe significato le dimissioni del governo, il no invece fa passare automaticamente il progetto di legge.

Contrario l’ex presidente Nicolas Sarkozy: “Se si utilizza l’arma nucleare dell’articolo 49.3 della costituzione per la piccola legge Macron, come pensa Hollande di poter far passare i suoi grandi progetti di riforme? Non sono l’unico a pensarlo. Tutti gli osservatori sono d’accordo su questo punto: utilizzare quell’articolo è una dimostrazione di debolezza da parte del presidente della Repubblica”.

Il progetto di legge Macron passa all’esame del Senato nel mese di aprile. Il testo prevede tra l’altro la possibilità di tenere aperti i negozi fino a 12 domeniche l’anno, la regolamentazione del tariffario dei notai e la modifica delle regole sui licenziamenti collettivi.