ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Danimarca: falso allarme per pacco sospetto davanti a centro culturale

Momenti di tensione davanti al centro culturale di Copenaghen, in Danimarca, teatro dell’attentato di sabato. La polizia danese stamattina ha isolato

Lettura in corso:

Danimarca: falso allarme per pacco sospetto davanti a centro culturale

Dimensioni di testo Aa Aa

Momenti di tensione davanti al centro culturale di Copenaghen, in Danimarca, teatro dell’attentato di sabato. La polizia danese stamattina ha isolato la zona per la presenza di un oggetto sospetto che si è poi rivelato innocuo. Nella busta non c’era esplosivo.

Finora nell’inchiesta sugli attacchi al centro Krudttønden e a una sinagoga sono state accusate due persone. Sono ritenute complici del presunto aggressore, ucciso dalla polizia, Omar El Hussein, un ventenne di origini palestinesi di cui è stato diffuso un video nel quale combatte un match di kick-boxing, nel 2013.

Il ragazzo era stato segnalato ai servizi segreti per r“ischi di radicalizzazione”, mentre si trovava in carcere per aver aggredito un uomo alla stazione di Copenaghen.

Ieri sera circa trentamila persone hanno reso omaggio alle vittime degli attentati: due morti, un regista danese e il guardiano della sinagoga, e cinque feriti. Tra i presenti anche la prima ministra danese. Helle Thorning Schmidt ha avuto anche un conversazione telefonica con il presidente statunitense Obama sulla lotta comune contro gli attacchi alla libertà di espressione e contro la violenza antisemita.