ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Copenaghen: due accusati di complicità con presunto attentatore

Ci sono due accusati nell’inchiesta sui due attacchi di Copenaghen. Due uomini, arrestati domenica, secondo la polizia hanno fornito aiuto materiale

Lettura in corso:

Copenaghen: due accusati di complicità con presunto attentatore

Dimensioni di testo Aa Aa

Ci sono due accusati nell’inchiesta sui due attacchi di Copenaghen. Due uomini, arrestati domenica, secondo la polizia hanno fornito aiuto materiale e consigli al presunto assalitore del centro culturale e della sinagoga nella capitale danese. Sono sospettati di averlo aiutato a far sparire un’arma e a nascondersi, ha aggiunto l’avvocato di uno dei due presunti complici.

Nel primo attacco, sabato pomeriggio, in un centro culturale dove si parlava di libertà di espressione e blasfemia, è rimasto ucciso regista un danese e tre poliziotti sono rimasti feriti.

Secondo la polizia il presunto attentatore è un ragazzo di 22 anni, nato in Danimarca. I media danesi ne hanno diffuso il nome, Omar El-Hussein, di origini palestinesi, da poco uscito di prigione dove scontava una pena per aggressione.

Al dibattito di sabato partecipava anche il vignettista svedese Lars Vilks, che vive sotto protezione della polizia per le minacce ricevute da estremisti islamici per le sue caricature di Maometto pubblicate nel 2007.

L’attacco alla sinagoga ha provocato un morto e due feriti. Il presunto attentatore è stato ucciso dalla polizia domenica mattina. Sotto shock tutta l’Europa, un mese dopo gli attentati che hanno colpito Parigi. Il primo ministro francese Manuel Valls ha definito “islamofascismo” la minaccia che pesa sul continente.