ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attentati di Copenaghen: la polizia conferma l'arresto di due persone

Orrore, dolore e paura in Danimarca, dopo i due attacchi terroristici che sabato a Copenaghen hanno fatto due morti e cinque feriti. Arrestate dalla

Lettura in corso:

Attentati di Copenaghen: la polizia conferma l'arresto di due persone

Dimensioni di testo Aa Aa

Orrore, dolore e paura in Danimarca, dopo i due attacchi terroristici che sabato a Copenaghen hanno fatto due morti e cinque feriti. Arrestate dalla polizia due persone accusate di aver dato rifugio all’attentatore e di averlo aiutato a sbarazzarsi dell’arma. Il presunto autore del duplice attentato, ucciso dagli agenti, è stato identificato come Omar Abdel Hamid El-Hussein, 22enne danese di origini arabe. I due attacchi si sono susseguiti sabato scorso nel giro di poche ore, in un caffè prima e dopo in una sinagoga. Il premier israeliano Benyamin Netanyahu, sdegnato, ha invitato gli ebrei in Europa a ‘‘Venire in Israele’‘.

“La comunità ebraica fa parte di questo Paese da secoli, è parte integrante della Danimarca e del popolo danese, questo Paese non sarebbe lo stesso senza di loro. Ognuno è libero di fare quello che vuole ma questo è il mio messaggio alla comunità ebraica, sanno quello che provo rispetto a quanto accaduto”, ha replicato la premier danese Halle Thorning-Schmidt, nel corso di una conferenza stampa.

“Difenderemo la democrazia’‘ ha ribadito, inoltre, la premier danese che ha visitato la sinagoga, teatro del secondo attacco. Qui ha perso la vita Dan Uzan, il guardiano di 37 anni già definito un eroe perché ha impedito all’attentatore di entrare e commettere una strage. Centinaia di persone persone hanno deposto fiori per lui e per l’altra vittima, il regista danese di 55 anni Finn Norgaard, morto poche ore prima nella sparatoria al centro culturale di Copenaghen.