ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vertice Ue, i leader affrontano la questione greca

Dopo la riunione fiume dell’Eurogruppo il dossier greco passa nelle mani dei 28 leader europei, che in meno di un giorno dovranno stilare una road

Lettura in corso:

Vertice Ue, i leader affrontano la questione greca

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la riunione fiume dell’Eurogruppo il dossier greco passa nelle mani dei 28 leader europei, che in meno di un giorno dovranno stilare una road map per impedire la fuoriscita di Atene dall’Eurozona. Appena giunta a Bruxelles Angela Merkel ha finalmente incontrato Alexis Tsipras, il neo premier greco che non smette di dirsi ottimista verso il futuro. “Resto fiducioso, credo che arriveremo a una soluzione ottimale per tutti, Ha dichiarato Tsipras arrivando a Bruxelles” In modo da allentare le misure di austerità, combattere la crisi umanitaria greca e riportare l’Europa sulla strada della crescita e delle solidarietà”.

Atene ha le ore contate per arrivare a un nuovo accordo con i suoi creditori. Il 28 febbraio scadrà, infatti, l’attuale programma economico e il Paese rischia di trovarsi di nuovo sull’orlo del default.

“Nei passati cinque anni abbiamo fatto tutto quello che era possibile per mantenere la Grecia nella zona euro” ammette il Premier finlandese Alexander Stubb “Ed è quello che continueremo a fare. Gli impegni sono impegni, però, e vanno rispettati”.

Nonostante le dichiarazioni, però, per alcuni è certo che i sostenitori del rigore dovranno scendere a patti con Tsipras, e viceversa. Tra questi c‘è Janis Emmanoulidis, Direttore del Centro per gli Studi Politici europei :“Alla fine credo che si arriverà comunque a un compromesso. Non è detto, però, che arrivi entro lunedì. Sono tantissime le cose su cui si deve decidere e c‘è il tempo necessario per parlare di tutti gli aspetti tecnici della questione. Molto probabilmente si arriverà a una decisione finale entro l’estate”.

Oltre all’opposizione dei falchi nord europei, però, Tsipras dovrà affrontare anche il malumore altri Paesi. Tra cui Spagna e Portogallo, che non ci stanno a essere gli unici a dover rispettare le regole