ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cessate il fuoco da domenica. Accordo di massima a Minsk sull'est dell'Ucraina

Ritiro dell'artiglieria pesante e liberazione dei prigionieri fra i principali punti

Lettura in corso:

Cessate il fuoco da domenica. Accordo di massima a Minsk sull'est dell'Ucraina

Dimensioni di testo Aa Aa

Un cessate il fuoco da domenica e il ritiro dell’artiglieria pesante dalle regioni contese dell’est del Paese che inizierà appena due giorni dopo. Putin e Poroshenko alla fine dicono sì a un accordo di massima sull’est dell’Ucraina.

La fumata bianca arriva nella mattinata di giovedì, al termine di una maratona negoziale, che proseguiva praticamente ininterrotta dal pomeriggio del giorno prima.

“Molto lavoro resta ancora da fare – il primo commento del presidente francese Francois Hollande – ma questa è una vera occasione per migliorare la situazione”. In linea la valutazione del Ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier, che ha ammesso non si tratti di un accordo risolutivo, ma ha parlato di “passo decisivo verso la fine delle violenze”.

Poroshenko, che poco prima aveva gelato le speranze di un accordo, parlando di “alcune condizioni inaccettabili” da parte di Mosca, ha specificato che entro la fine dell’anno Kiev dovrebbe riassumere un controllo totale delle frontiere comuni con la Russia. Sempre secondo il presidente ucraino, entrambe le parti avranno poi un periodo di 19 giorni per liberare tutti gli ostaggi.

Un comunicato congiunto distribuito dal Cremlino e sottoscritto anche da Kiev, Berlino e Parigi contiene anche l’assicurazione delle parti sul rispetto dell’integrità territoriale ucraina.