ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Sharia4Belgium, 12 anni di prigione al leader. Condanne anche per altri 45 miliziani jihadisti


Belgio

Sharia4Belgium, 12 anni di prigione al leader. Condanne anche per altri 45 miliziani jihadisti

Il Tribunale di Anversa ha condannato a 12 anni di prigione Fouad Belkacem, fondatore dell’organizzazione Sharia4Belgium. Gruppo che negli ultimi anni avrebbe fatto proselitismo tra i giovani belgi trasformandoli in miliziani jihadisti.

Oltre a Fouad Belkacem sono state condannate, a pene minori, altre 45 persone, 38 delle quali in contumacia e ritenute al momento impegnate nei combattimenti in Siria e Iraq.

Dal tribunale di Anversa anche la decisione di definire Sharia4Belgium un’organizzazione terroristica a tutti gli effetti.

Tra i condannati anche Brian De Mulder, dato per disperso in Siria. Per la madre Ozana Rodrigues il tribunale è stato troppo clemente nei confronti di Belkacem:“Si è preso mio figlio. Un giorno è partito senza nemmeno dire ciao. Come mio figlio in tanti hanno seguito, qui in Belgio, le parole di Belkacem e lo Stato gli da appena 12 anni di prigione. Vivere in una prigione belga è come vivere in albergo, mi dispiace ma questo Paese è ridicolo!”.

Tra i presenti in aula, invece, c’era Michel Delefortrie, ex jihadista rientrato da poco dalla Siria e condannato a 3 anni di libertà vigilata. Un segno di speranza per il suo avvocato:” E’ un chiaro segnale per tutti i ragazzi partiti per la Siria e l’Iraq, che ora si trovano li e che vogliono tornare. Certamente, dovranno assumersi le loro responsabilità, ma tutti coloro che non si sono macchiati di crimini di sangue potranno essere reintegrati nella società”.

Trecentocinquanta i miliziani belgi partiti per la jihad, un numero importante se paragonato al totale della popolazione belga. Come spiega il nostro inviato Olaf Bruns:“Il verdetto del tribunale di Anversa contro i miliziani di Sharia4Belgium funge anche da deterrente. Fondamentale per un Paese come il Belgio dal quale è partito un alto numero di miliziani verso Iraq e Siria”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Ucraina, vertice di Minsk. "Ultima chance per la pace"