ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La telefonia che diventa aiuto

Lettura in corso:

La telefonia che diventa aiuto

Dimensioni di testo Aa Aa

Una applicazione per il cellulare aiuta gli esiliati siriani ad adattarsi alla la vita in Turchia. La cosa sta avendo successo tra gli interessati

Una applicazione per il cellulare aiuta gli esiliati siriani ad adattarsi alla la vita in Turchia. La cosa sta avendo successo tra gli interessati.

L’ applicazione si chiama Gherbtna, parola araba che vuol dire esilio, solitudine. Il sito web di riferimento contiene diverse sezioni, come annunci di lavoro, la legislazione turca e notizie sulla Turchia.

L’ideatore dell’applicazione sta aiutando molti siriani che sono scappati dal loro paese in preda alla guerra civile.

MOJAHED AKIL, informatico:
“ Abbiamo creato questa applicazione circa un anno e tre mesi fa per aiutare i siriani che vivono in Turchia, e che non sanno come rivolgersi ai turchi o hanno difficoltà nell’ottenere la residenza o ad aprire un conto bancario. Sono persone che mancano di informazioni ed è per questo che abbiamo creato questa cosa”.

L’applicazione sta diventando molto popolare tra i rifugiati siriani insieme al sito web di riferimento.

Attualmente la si puo’ scaricare su un Andorid ma presto sarà utilizzabile anche su cellulari con altri protocolli.

MOJAHED AKIL: “Abbiamo iniziato il progetto con due persone. Dopo otto mesi abbiamo avviato il sito web e l’applicazione in modo che tutto sia piu’ semplice da usare, abbiamo anche semplificato alcune sezioni. Dopo gli android ci accingiamo a rendere operativa la nostra applicazione con iPhone e Windows Phone “.

La Turchia ospita 1.7 milioni di rifugiati siriani di cui 230,000 vivono nei campi profughi dotati di scuole e supermercati.

———————————————————

La start-up britannica OwnFone sta cercando di rubare il mercato a giganti come Google ed altri produttori di telefonini grazie al lancio pubblicitario del suo kit PrintFone.

Il kit permette agli utenti di disegnare l’involucro del proprio portatile e di stamparlo sia un termini bidimensionali che realizzare proprio la cassa dell’apparecchio da montare sull’apparecchiatura elettronica.

TOM SUNDERLAND, INVENTORE DI OWNFONE:
“Abbiamo accorpato un’applicazione di design col sistema per personalizzare il proprio telefono. Così si disegna semplicemente il telefono che si vuole. Ecco l’applicazione, si sceglie il telefono e ci si disegna sopra quello che si vuole… una volta fatto si prendere il disegno, lo si stampa ed eccolo pronto all’uso”.

Il kit 2D consente di stampare l’involucro di plastica, detto Skin, con una stampante a getto d’inchiostro standard. Si tratta della fodera che viene applicata alla parte anteriore del cellulare.

OwnFone fornisce anche il kit per stampare l’involucro dei celulari piu’ semplici con una stampate 3D.

Se a casa non ci riuscite potete farvi aiutare alla succursale dell’azienda a Londra.