ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La ''Caporetto'' del Real contro l'Atletico, le polemiche del Milan e la danza di Kidiaba

Ben ritrovati a The Corner, il nostro appuntamento settimanale con il mondo del calcio. Lunedi’ scorso avevamo previsto la vittoria dell’Atletico nel

Lettura in corso:

La ''Caporetto'' del Real contro l'Atletico, le polemiche del Milan e la danza di Kidiaba

Dimensioni di testo Aa Aa

Ben ritrovati a The Corner, il nostro appuntamento settimanale con il mondo del calcio. Lunedi’ scorso avevamo previsto la vittoria dell’Atletico nel derby di Madrid, ma chi si aspettava una ‘‘Caporetto’‘ cosi’ del Real? Abbiamo invece indovinato il risultato del big match di Ligue 1, tra Lione e PSG. Vediamo insieme come sono andati questi due incontri.

Il Cholo dà una lezione ad Ancelotti, il Paris Saint-Germain si salva con un rigore

Si riapre, forse, la Liga, con l’incredibile successo dell’Atletico Madrid sui cugini del Real. I colchoneros incantano il loro pubblico, infilando un inatteso 4-0, grazie alle reti firmate da Tiago, Saúl, Griezmann e Mandzukic. Cristiano Ronaldo e compagni, che sono andati poi a festeggiare tra le polemiche il compleanno del portoghese, non sanno reagire e si trovano ora in classifica a +1 sul Barcellona e +4 sull’Atletico.

Restano invariati, invece, i distacchi in Ligue 1, con il Lione sempre leader, davanti a Marsiglia e Paris Saint-Germain. Quest’ultima non riesce a espugnare il Gerland, rischiando anzi lo sgambetto, dopo il gol messo a segno da Njie al 31esimo. Verratti si procura un rigore dubbio, con Ibrahimovic che dal dischetto tira dritto sul portiere. L’arbitro fa ripetere il penalty pero’, per l’ingresso anticipato in area dei difensori lionesi e a quel punto lo svedese non sbaglia piu’. Finisce 1-1.

La Costa d’Avorio sul tetto d’Africa, scontri mortali negli stadi del continente e la sconfitta polemica del Milan

E ora, andiamo a vedere chi è salito e chi è sceso questa settimana, nella nostra rubrica ‘‘Up & Down’‘.

La Costa d’Avorio 23 anni dopo la prima volta, torna sul tetto d’Africa, dopo aver battuto il Ghana in finale. Ci vogliono 22 calci di rigore per stabilire la vincitrice, con il portiere Barry autore dell’ultimo decisivo gol.

Brutte immagini dallo stadio di Malabo, durante la semifinale tra la Guinea Equatoriale e le Stelle Nere. I tifosi locali hanno acceso gli scontri con le forze dell’ordine, che hanno provocato 36 feriti.

Ben piu’ pesante il bilancio degli scontri tra i supporters dello Zamalek e la polizia al Cairo, domenica prima di un incontro di prima divisione egiziana. Ci sono una ventina di morti e un numero imprecisato di feriti.

Scende anche il Milan, battuto dalla Juventus per 3-1. I rossoneri, decimi in classifica, hanno poi acceso la polemica post gara, per il presunto gol in fuorigioco di Tevez e il mancato replay istantaneo, scatenando un botta e risposta al veleno con i bianconeri.

Accadde oggi, 9 febbraio 1979: il transfer da 1 milione di sterline di Trevor Francis

Oggigiorno, le squadre europee sono pronte a pagare decine e decine di milioni di euro per accaparrarsi i migliori giocatori sul mercato. 36 anni fa basto’ invece molto meno al Nottingham Forest per stabilire il record dell’allora piu’ alto cartellino della storia del calcio inglese.

Il 9 febbraio 1979 il manager del Nottingham Forest Brian Clough presento’ alla stampa il nuovo arrivato, l’attaccante Trevor Francis. I Reds pagarono al Birmingham City 1,1 milioni di sterline, tasse incluse, facendo dell’allora 25enne, il primo giocatore inglese ad aver abbattuto il muro delle sei cifre.

Pronostici

Eccoci al momento dei pronostici. Possiamo sbagliarci, lo sapete meglio di noi, ma continuiamo a provarci. Fatelo anche voi, mandandoci le vostre previsioni, sui social networks, attraverso l’hashtag #TheCornerScores.

Prosegue la cavalcata del Chelsea, leader in Premier League, che avrà la meglio per 2-0 sull’Everton, allo Stamford Bridge. Il Wolfsburg, dopo aver battuto i Campioni in carica e l’Hoffenheim, sconfiggerà anche il Bayer Leverkusen. Vittoria infine del PSV Eindhoven ad Alkmaar, in Eredivisie.

Bloopers

Robert Kidiaba ha chiuso la sua carriera internazionale nel migliore dei modi. La sua nazionale, la Repubblica Democratica del Congo, è salita sul terzo gradino del podio della Coppa d’Africa, grazie al successo nella finalina contro la Guinea Equatoriale. Mancherà a tutti il portiere 39enne. E soprattutto mancherà la sua ‘‘Bum Bum Dance’‘.

Anche per oggi è tutto. Ci vediamo come sempre lunedi’ prossimo, per un altro affondo nel mondo del calcio.