ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Guerra Balcani. Onu: non ci fu genocidio. Rammarico Croazia

La Croazia esprime ufficialmente il proprio rammarico per il mancato riconoscimento del genocidio che, secondo Zagabria, la Serbia ha perpetrato

Lettura in corso:

Guerra Balcani. Onu: non ci fu genocidio. Rammarico Croazia

Dimensioni di testo Aa Aa

La Croazia esprime ufficialmente il proprio rammarico per il mancato riconoscimento del genocidio che, secondo Zagabria, la Serbia ha perpetrato durante la guerra in ex-Jugoslavia.

Il Primo Ministro croato Zoran Milanovic
si è così espresso dopo il verdetto emesso dalla Corte Internazionale di Giustizia de L’Aja, organo giurisdizionale delle Nazioni Unite:

“Ci tengo a dire che non siamo contenti della bocciatura della denuncia presentata dalla Croazia” ha detto Milanovic. “Siamo invece soddisfatti della bocciatura della contro-denuncia serba. Basandoci su quato visto finora, la denuncia croata è stata bocciata, sfortunatamente, ma i fatti che sappiamo essere accaduti sono stati confermati dalla corte. Si tratta di gravi crimini di guerra e di pulizia etnica”.

Senza sorprese, una reazione diametralmente opposta quella di Belgrado, sebbene nemmeno la contro-denuncia serba abbia avuto il riconoscimento della corte dell’Onu. Il Presidente serbo Tomislav Nikolic:

“Il verdetto della Corte Internazionale di Giustizia de L’Aja ha un’immensa importanza per la Repubblica di Serbia e per il popolo serbo perchè smentisce il tipico stereotipo radicato nella comunità internazionale su quanto sia accaduto nell’ex-Jugoslavia tra il 1991 e il 1995”.

Se i giudici de L’Aja non hanno potuto definire genocidio – per mancanza di prove – i massacri avvenuti durante la guerra nei Balcani, hanno tuttavia confermato le uccisioni indiscriminate, i crimini di guerra e le deportazioni commesse sia da parte serba che da parte croata.