ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Tangerines" in corsa per l'oscar

Lettura in corso:

"Tangerines" in corsa per l'oscar

Dimensioni di testo Aa Aa

La coproduzione estone georgiana “Tangerines” ha ricevuto una nomination come miglior film di lingua straniera agli oscar. Siamo nel 1992, nella

La coproduzione estone georgiana “Tangerines” ha ricevuto una nomination come miglior film di lingua straniera agli oscar. Siamo nel 1992, nella regione dell’ Abkhazia. C‘è la guerra in corso contro la Georgia. La popolazione è in fuga ma in un villaggio due abitanti, Markus e Ivo, due estoni, decidono di rimanere. Markus non è scappato via perché vuole rimanere a raccogliere i suoi mandarini e continua a farlo fino a quando Ivo trova Akhmed, un ferito sopravvissuto al campo di battaglia.

IVO FELT produttore di “TANGERINES”:
“Prima di tutto si tratta di un film ad alto contenuto umano, un dramma su come restare uomini in situazioni molto difficili. Quindi la guerra è solo il fondale e questo conflitto particolare è quello dell’ Abkhazian del 1992, quello che filmiamo puo’ avere come sfondo una qualunque guerra”.

Anche Markus trova un altro ferito che decide di tenere sotto il suo tetto. Il problema è che i due feriti sono acerrimi nemici. Ha inizio così una nuova guerra fra loro due un mercenario ceceno e un soldato georgiano.

IVO FELT:
“La gara per gli oscar è naturalmente molto dura. Abbiamo davanti dei film molto forti e naturalmente siano felici di trovarci in questa rosa, direi che abbiamo qualche chance”.

“Tangerines” è stato girato in Georgia con attori estoni e georgani. L’ideazione e il processo creativo sono stati sotto il controllo estone.