ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia pronta a dire no alla Troika: timori per le strade di Atene

La prima mano è giocata. Che sia un bluff o meno lo dirà il tempo. Ma il governo targato Tsipras si è detto pronto anche a rinunciare a 7 miliardi

Lettura in corso:

Grecia pronta a dire no alla Troika: timori per le strade di Atene

Dimensioni di testo Aa Aa

La prima mano è giocata. Che sia un bluff o meno lo dirà il tempo. Ma il governo targato Tsipras si è detto pronto anche a rinunciare a 7 miliardi della Troika che dovrebbero arrivare a fine febbraio.

Senza rinegoziazione dei termini fissati dall’esecutivo precedente, quello scaturito dalla nuova tornata elettorale si è detto pronto a sbattere la porta.

E qualche timore comincia a serpeggiare tra le gente per le strade di Atene.

“Se non ci sono proposte alternative, ovviamente, mi preoccupo. Il disaccordo con la Troika non mi spaventa di per sé, mi piacerebbe che il governo greco mostrasse di avere una proposta alternativa. Così non avrei più paure”, dice un residente.

“Non so se sia preoccupante. So che i greci hanno sofferto molto. Quindi capisco che Syriza abbia avuto tanti voti e conquistato il potere. Su quello che accadrà, spero per il meglio e che sappiano cosa stanno facendo”, annota una turista.

Segnato dal gelo l’incontro ad Atene tra il capo dell’Eurogruppo, l’olandese Jeron Dijsselbloem, Yanis Varoufakis, neo ministro delle Finanze greco e Alexis Tsipras, nuovo capo del governo. “No a passi unilaterali che vanificano sforzi’‘, ha ammonito il numero uno dell’Eurogruppo.