ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strauss-Kahn: lunedì al tribunale di Lille. È accusato di sfruttamento della prostituzione

Lettura in corso:

Strauss-Kahn: lunedì al tribunale di Lille. È accusato di sfruttamento della prostituzione

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ex direttore del Fondo monetario internazionale, il francese Dominique Strauss-Kahn, comparirà lunedì davanti al tribunale di Lille per rispondere delle accuse di sfruttamento aggravato della prostituzione.

Le indagini puntano a chiarire un giro di prostituzione illegale che sarebbe stato messo in atto in un albergo a cinque stelle. Nel luglio del 2013, per la stessa vicenda, oltre a Strauss-Kahn erano state rinviate a giudizio altre 12 persone. Una quattordicesima persona indagata è stata rinviata a giudizio per “complicità” e “abuso di fiducia”.

Economista e esponente del Partito socialista francese, Dominique Gaston André Strauss-Kahn è nato a Neuilly-sur-Seine il 25 aprile 1949.

Più volte ministro con responsabilità di dicasteri economici nei governi a guida socialista, è stato professore di macro-economia alla Facoltà di Scienze politiche di Parigi. Dal 2007 al 2011 è stato direttore generale del Fondo monetario internazionale.

Nel 2011, in vista delle elezioni presidenziali, il suo nome risulta essere il più gradito sia tra la base socialista che nell’opinione pubblica. La sua volontà di candidarsi “alla candidatura” non viene nascosta, ma nonostante i sondaggi molto positivi, il suo progetto sfuma.

Il 14 maggio 2011, infatti, viene arrestato a New York con l’accusa di tentata violenza sessuale ai danni di una cameriera di un albergo presso cui alloggiava. Quattro giorni dopo rassegna le sue dimissioni dalla carica di direttore del Fmi.

Ma questo non è il primo grattacapo che la sua passione smodata per le donne gli fa subire. Nel 2008 un giornale rivela che il Fmi ha condotto una inchiesta interna per accertare se Dsk abbia o no favorito una sua sottoposta con cui intrattiene una relazione sessuale. L’audit interno si conclude senza conseguenze: Strauss-Kahn ammette di aver “peccato di leggerezza” e chiede scusa, ottenendo così solo un richiamo.