ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia al voto, Samaras: "Tsipras mette l'Europa contro la Grecia"

Le ultime ore prima del voto in Grecia, e tutti gli occhi sono puntati su Tsipras: il capo del governo uscente, Antonis Samaras, ha tenuto un comizio

Lettura in corso:

Grecia al voto, Samaras: "Tsipras mette l'Europa contro la Grecia"

Dimensioni di testo Aa Aa

Le ultime ore prima del voto in Grecia, e tutti gli occhi sono puntati su Tsipras: il capo del governo uscente, Antonis Samaras, ha tenuto un comizio infuocato, nel quale ha parlato soprattutto del principale avversario: “Syriza non cambierà l’Europa, al contrario la metterà contro la Grecia”, ha tra l’altro detto Samaras, che ha poi lanciato l’appello agli elettori:

“Anche un solo voto può determinare se la Grecia andrà avanti verso il futuro, che ora è molto vicino, o se subirà un incidente fatale.
Oggi io chiamo alla lotta tutti coloro che possono determinare il risultato finale, io vi chiedo di unirvi a noi”, ha urlato un combattivo Samaras.

Si tratta di elezioni anticipate, in seguito all’impossibilità di sbloccare lo stallo per la scelta di un nuovo Presidente.

“In quest’ultimo comizio di Nuova Democrazia – commenta il corrispondente di euronews -, Antonis Samaras ha illustrato il bilancio del suo governo, ha pesantemente criticato Syriza e si è detto sicuro che il suo partito vincerà”.

Anche Alexis Tsipras ha parlato di un voto cruciale, “un dilemma – ha detto – tra la continuazione della tragedia e dei sacrifici senza fine e il ritorno alla speranza, allo sviluppo, alla normalità e alla democrazia”.
E sul rispetto degli accordi internazionali ha precisato: “Rispetteremo gli impegni che derivano dalla partecipazione del Paese al quadro istituzionale europeo. Ma non rispetteremo impegni e firme apposte dal governo precedente, che non sono impegnativi per il nuovo governo”.

Non è solo il centro-destra europeista di Samaras, o il suo alleato socialista ormai quasi scomparso dal dibattito, a inquietarsi per l’ascesa di Syriza: una sua vittoria viene vista con timore anche dagli ambienti finanziari internazionali: anche perché, stando ai sondaggi, Syriza può vincere ma non governare da sola.