ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: Syriza e Nuova Democrazia alla conquista degli indecisi

Lettura in corso:

Grecia: Syriza e Nuova Democrazia alla conquista degli indecisi

Dimensioni di testo Aa Aa

La campagna elettorale si è chiusa in vista delle legislative greche di domenica. Il primo ministro Antonis Samaras spera ancora negli indecisi per ribaltare il pronostico, accusando il leader del favorito partito di estrema sinistra Syriza di voler condurre la Grecia ad uno scontro con l’Unione europea che porterà il paese fuori dall’Eurozona.

“Noi di Nuova Democrazia -dice la portavoce del partito liberal-conservatore – abbiamo fiducia nel fatto che i greci non faranno cadere nel nulla i loro sforzi a vantaggio degli scenari di morte economica prospettati da Syriza. I greci hanno già scelto la stabilità facendo parte dell’Europa e dell’Eurozona. Non vanificheranno questi sacrifici”.

Tutti i sondaggi danno vincente Alexis Tsipras, carismatico leader della Coalizione della Sinistra Radicale Syriza, che promette una svolta rispetto alla politica lacrime e sangue seguita finora. Intende rinegoziare i termini del prestito internazionale e si è impegnato a bloccare il licenziamento di 150mila impiegati pubblici, già concordato con i creditori dell’Unione Europea e del Fondo Monetario Internazionale. Il capo della pianificazione economica per Syriza:

“L’Europa non ha niente da temere dalla decisione dei greci di scegliere Syriza per il prossimo governo. Abbiamo un programma di stabilità economica e di giustizia. La vittoria di Syriza inaugurerà l’inizio di un cambiamento sociale e democratico in Grecia”.

Resta pero l’incongnita della maggioranza assoluta per Syriza. Il nostro corrispondente Stamatis Giannitis:

“Saranno i voti degli indecisi a giocare un ruolo chiave in queste elezioni cruciali, in quanto sarà il loro voto a far pesare l’ago della bilancia sul tipo di governo con cui la Grecia si sveglierà lunedì mattina”.