ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Milano: rivoluzione moda

Lettura in corso:

Milano: rivoluzione moda

Dimensioni di testo Aa Aa

Nei camerini delle passerelle Milano Moda Uomo si mette a punto il codice della nuova eleganza. Gli ultimi ritocchi per soluzioni innovative. Ed ecco

Nei camerini delle passerelle Milano Moda Uomo si mette a punto il codice della nuova eleganza. Gli ultimi ritocchi per soluzioni innovative.

Ed ecco la nuova era per il maschio Versace. Uno shock per i fan del marchio: spariti i colori forti, niente decori, ciao fibbie dorate, greche e motivi barocchi. Tutto questo è storia di ieri.

Dominano i lunghi pullover jacquard, il cardigan cammello, i completi marrone, il cappotto doppiopetto. Le giacche hanno un solo bottone. Una scenografia dimanica molto piu’ algida, nordeuropea ma in esaltazione dovrebbe restare il fascino maschile. Ci sarà ancora?

http://www.milanomodauomo.it/it/

Famiglie vere sono quelle che fanno da sfondo alla sfilata di Dolce e Gabbana, le stesse che i due stilisti hanno fatto ritrarre e poi stampare in immagini che sono l’emblema della loro
collezione per il prossimo inverno.

Il tema da sempre interessa Dolce e Gabbana, che nel 2013 avevano lanciato online il progetto ‘DG family’, invitando i loro follower a inviare i ritratti di famiglia.

Il repertorio materiale resta uguale pellicce, astrakan agnellino, giacche damascate, cappotti e giubbini di pelliccia in rosso o verde portati con i pantaloni in jersey stretti e gli stivali di gomma come quelli che si usano in campagna.

L’ormai anzianotta Vivienne Westwood promuove il principe Carlo nuovo ambasciatore della sua ‘Climate revolution’.
Per trasmettere il suo messaggio in passerella, la Westwood prende in prestito la faccia del principe Carlo, che diventa il fil rouge della collezione maschile invernale, stampato sulle t-shirt, da portare con maglie rilassate, abiti tartan.

Ai piedi, l’uomo Westwood, calza scarponcini da trekking con mini tacco e sneakers con tripla linguetta che inneggiano alla battaglia etica della designer, e che poi si trasformano in banconote dei Paesi di tutto il mondo.

Denaro in tutti i tagli anche su un completo bianco giacca-pantalone, per dire “no al monopolio delle banche”!